GIOVEDÌ 07 SETTEMBRE 2017, 18:32, IN TERRIS

Quantitative easing, Draghi: "Può ancora aumentare, decisione a ottobre"

Il presidente della Bce: "L'acquisto di titoli nella misura attuale proseguirà sino a dicembre e oltre se necessario"

REDAZIONE
Quantitative easing, Draghi:
Quantitative easing, Draghi: "Può ancora aumentare, decisione a ottobre"
La decisione sul quantitative easing sarà presa "probabilmente a ottobre". A dirlo è il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi. Sul futuro del Qe il consiglio direttivo della Bce ha discusso "vari scenari riguardanti la lunghezza e la dimensione dei flussi mensili di acquisti di titoli, si è trattato di una discussione molto preliminare". Francoforte prevede "un programma di reinvestimento, che diventerà progressivamente più imponente dal momento che il Qe va avanti da anni". Il riferimento è al fatto che la Bce  intende riacquistare titoli di Stato di pari durata man mano che quelli che ha in portafoglio arrivano a scadenza.

Il Qe, ha proseguito, "può ancora aumentare, sia nelle dimensioni degli acquisti di bond che nella sua durata, se le prospettive economiche dovessero peggiorare". Il Qe - a 60 miliardi di euro al mese - continuerà fino a fine dicembre e oltre se necessario. Secondo Draghi "la recente volatilità del tasso di cambio rappresenta una fonte d'incertezza che richiede di essere monitorata, per le sue implicazioni sulla stabilità dei prezzi nel medio termine"

Rispondendo alla domanda se Francoforte abbia privilegiato gli acquisti di debito italiano e francese, Draghi ha sottolineato che la decisione di deviare dalla "capital key", la regola che vuole acquisti di bond proporzionali alla quota di ciascun Paese nel suo capitale, è dovuta "meramente a fattori tecnici" e "non a fattori nazionali". L'ex governatore di Bankitalia ha anche risposto "no" all'ipotesi secondo cui la Bce stia prendendo tempo in attesa del voto tedesco.

L'apprezzamento dell'euro, ha poi spiegato, "è molto importante per la crescita e l'inflazione. Così importante che le prospettive d'inflazione di medio termine sono state riviste al ribasso", e dunque la Bce "dovrà tenerne conto nell'insieme delle informazioni con cui prenderà le future decisioni di politica monetaria". Dal punto di vista dell'inflazione, ha aggiunto, i segnali "non sono ancora convincenti. L'Eurozona deve ancora mostrare segnali convincenti di un rialzo sostenuto".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Speranza e Bersani
VERSO LE ELEZIONI

Mdp e SI sbattono la porta in faccia al Pd

Fratoianni: "Tempo scaduto". Bersani: "Ci si vede dopo il voto"
Robert Mugabe
ZIMBABWE

Mugabe accetta di dimettersi

Dopo una lunga trattativa con i militari. L'annuncio in televisione in tarda serata
Due scosse avvertite nel Parmense
PARMA

Doppia scossa di terremoto, nessun danno

Il sisma avvertito anche in Liguria, residenti in strada a La Spezia
Un'immagine d'archivio del sottomarino argentino
ARGENTINA

Segnali dal sottomarino scomparso

Registrate sette tentativi di chiamate satellitare. La ricerca continua
La famiglia che ha portato i doni all'offertorio
BASILICA DI SAN PIETRO

"I poveri sono il passaporto per il paradiso"

Il Papa all'Angelus: "Siano sempre al centro delle nostre comunità"
Un senzatetto sulla panchina di un giardino pubblico
USA

Oltre 40,6 milioni di persone vivono in povertà

I tassi più alti si registrano tra gli afro-americani: 24,1%