SABATO 06 LUGLIO 2019, 11:37, IN TERRIS

USA

Processo a El Chapo: le autorità chiedono 12,6 miliardi

La Procura di Brooklyn ha chiesto ai giudici il recupero della somma ritenuta frutto dei proventi del narcotraffico

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Joaquin Guzman
Joaquin Guzman "El Chapo" al momento del suo arresto
R

ecuperare 12,6 miliardi di dollari da Joaquin Guzman, detto "El Chapo", ex re dei narcos attualmente ancora in attesa del pronunciamento defenitivo a suo carico, previsto per il 17 luglio e già pronosticato come ergastolo: questo quanto richiesto dalla Procura di Brooklyn a un giudice, per costringere il criminale messicano a restituire una somma (pari a 11,2 miliardi di euro) che, secondo i pm, equivarrebbe ai proventi del traffico di droga derivati dal suo cartello. Una richiesta che, come spiegato dai media americani, si baserebbe sulle numerose testimonianze raccolte dai fornitori di stupefacenti, ottenute durante il processo che ha già condannato l'ex boss nel febbraio scorso, per i reati di omicidio e, appunto, traffico di droga, per un totale di 10 capi d'accusa.


La vicenda

Secondo quanto ipotizzato dall'accusa, nei suoi oltre 25 anni a capo del cartello messicano di Sinaloa, uno dei maggiori legati al mondo dei narcos, Guzman avrebbe guadagnato complessivamente 11,8 miliardi di dollari con il traffico di cocaina, 846 milioni con la marijuana e 11 milioni vendendo eroina, denaro poi riciclato attraverso il pagamento di lavoratori e fornitori, oltre che per l'acquisto di beni materiali che, alla fine, hanno portato El Chapo a disporre di una vera e propria fortuna sia in denaro che in proprietà. Al momento del suo fermo, Guzman è stato trovato in possesso di un'intera flotta aerea, oltre che di vetture, strumenti di comunicazone e addirittura sottomarini, tutti beni che avrebbe acquistato tramite le sue attività illecite. Contestazioni fatte subito dopo l'estradizione avvenuta nel 2017 a fronte dell'arresto operato nel gennaio 2016, nella località di Los Mochis, nel Sinaloa, dove Guzman conduceva la sua vita nel lusso, che tentò di difendere prima a colpi di pistola e poi con un disperato tentativo di fuga, fallito.


Carcere duro

La difesa del 62enne, oltre a contestare la mancata identificazione dei 12,6 miliardi per i quali è stata richiesta la confisca, ha puntato sulle condizioni vissute in carcere dal suo assistito, definendole "crudeli e insolite", in particolar modo riferendosi al regime di isolamente vissuto all'interno del Metropolitan correctional Center di Manhattan, dov'è rinchiuso da 29 mesi. Secondo il suo avvocato, la luce nella cella sempre accesa provocherebbe condizioni da "privazione di sonno", mentre la detenzione in una cella senza finestre e la mancanza di accesso alla luce solare avrebbe iniziato a provocare traumi psicologici. Contestazioni contenute in una lettera inviata al giudice Brian Cogan, del Distretto orientale di New York, nella quale vengono avanzate peraltro alcune richieste, come due ore di esercizio all'aperto. Richieste che, a ogni modo, sarebbero state per ora respinte dai magistrati.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un frame del video dell'opera di Banksy postato sui social
STREET ART

Il commovente murales natalizio di Banksy in un video virale

Al centro dell'opera i senzatetto soli durante le festività
Antonio Salieri e Wolfgang Amadeus Mozart (Foto di scena)
TEATRO

Amadeus, il dramma dell'uomo contro il genio

In scena al Teatro della Pergola di Firenze, dal 10 al 15 dicembre, l'opera di Peter Shaffer sotto la regia di Andrej...
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
POLITICA

Governo, una verifica dopo la Manovra

Il premier Conte dà l'ok a un confronto in maggioranza a gennaio: "Serve un cronoprogramma fino al 2023"
ANNIVERSARIO

40 anni dalla missione di solidarietà nel Sud est asiatico

Nel 1979 l'Italia soccorse un migliaio di profughi vietnamiti che vagavano per il mare con mezzi di fortuna in una drammatica...
CAPOLAVORI IN MOSTRA

I patroni di Roma tornano a casa

Dalle collezioni dell’Ermitage di San Pietroburgo alla capitale d'Italia e della cattolicità: sarà...
IL PUNTO

La settimana politica

Dalla manovra alla legge elettorale, i temi al centro del dibattito
Olio d'oliva extra vergine
ALLARME COLDIRETTI

Olio: crolla il prezzo della produzione nazionale

"Le giacenze di olio straniero (spagnolo e tunisino) hanno superato i 62 milioni di chili prodotti"
 White Island
NUOVA ZELANDA

Erutta il vulcano Maha Whakaari: morti e dispersi

E' successo nella White Island proprio mentre c’era un gruppo di turisti in visita
Migranti

Una regola per il futuro

C'è un grande scontro nella nostra società sul fenomeno che vede migliaia e migliaia di persone...
Diritti umani

Aspettando la vera rivoluzione

"Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di...
Il cardinal Tagle
CURIA VATICANA

Il nuovo “papa rosso” è il filippino Tagle

Il Santo Padre nomina Prefetto di Propaganda Fide l’arcivescovo di Manila e presidente della Caritas internazionale
Il monumento dedicato a Cristina Biagi
IL CASO

Femmincidio Biagi, l'Inps rinuncia al rimborso

La richiesta era stata avanzata alle figlie minorenni della donna uccisa dall'ex marito, che ferì un'altra...