MERCOLEDÌ 21 GIUGNO 2017, 15:36, IN TERRIS

Primi guai per il governo Macron: si dimettono tutti i ministri MoDem

In meno di 24 ore l'esecutivo del neo presidente francese ha perso 3 ministri

LAURA BOAZZELLI
Primi guai per il governo Macron: si dimettono tutti i ministri MoDem
Primi guai per il governo Macron: si dimettono tutti i ministri MoDem
Prima il ministro della difesa Sylvie Goulard, poi la titolare degli Affari europei Marielle de Sarnez e, infine il ministro della Giustizia Francois Bayrou. Sono questi i nomi dei tre ministri - tutti appartenenti al partito centrista MoDem - che nel giro di 24 ore hanno consegnato la loro lettera di dimissioni al presidente francese Emmanuel Macron che spera di completare il rimpasto di governo entro stasera, dopo le elezioni politiche di domenica scorsa che gli hanno fatto guadagnare una forte maggioranza parlamentare.

Le dimissioni di Bayrou


L'ultimo, in ordine di tempo ad abbandonare il suo incarico al governo, è il ministro della Giustizia francese Francois Bayrou, leader del partito MoDem e alleato di Macron. Il guardasigilli è stato coinvolto in uno scandalo legato ai finanziamenti dell'Europarlamento al suo partito usati per pagare gli stipendi di assistenti che lavorano in Francia.

La Procura di Parigi indaga sull'utilizzo abusivo dei fondi europei


Le dimissioni dei tre ministri centristi di MoDem - alleato chiave del governo di Macron - arrivano in seguito all'apertura dell'inchiesta preliminare da parte della procura di Parigi, che il 9 giugno ha iniziato ad indagare ufficialmente sull'utilizzo abusivo dei fondi del parlamento europeo da parte dei MoDem. Lo scandalo, in cui è coinvolto anche il Front National guidato da Marine Le Pen, riguarda alcuni dipendenti del partito in Francia che sarebbero stati pagati come assistenti dall'Europarlamento senza però lavorare effettivamente tra Bruxelles e Strasburgo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Militari turchi
SIRIA

Erdogan: "Sì all'attacco nell'enclave curda di Afrin"

Ankara: "L'operazione è legittima autodifesa"
La ricerca del lavoro
LAVORO

L'ufficio di collocamento? Meglio gli amici

Indagine Eurostat sul mondo dell'occupazione
Il premier Paolo Gentiloni
PARTITO DEMOCRATICO

Gentiloni: "Mi candido nel Collegio Roma 1 alla Camera"

Sì all'accordo con la lista Più Europa di Emma Bonino
Papa Francesco celebra la Santa Messa a Trujillo Photo © Twitter
PAPA IN PERÙ

"In mezzo al dolore Dio ci offre la sua mano"

Testo completo dell'omelia pronunciata sulla spianata costiera di Huanchaco, a Trujillo
Carabinieri a un posto di blocco
SIRACUSA

Minorenne incinta faceva da corriere della droga

I provvedimenti cautelari hanno riguardato dieci persone
Un frame del film
CINEMA

"Augustine", la vita di Sant'Agostino diventa un film

Grande produzione internazionale tra Algeria e Tunisia diretta da Samir Seif