LUNEDÌ 13 GENNAIO 2020, 00:01, IN TERRIS

Perché (non solo) l'Australia brucia

Antonello Provenzale (Cnr) a In Terris: "La presenza di combustibile determina la vastità degli incendi. Serve prevenzione"

DAMIANO MATTANA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Una delle immagini simbolo dei roghi in Australia: la piccola Charlotte indossa il caschetto bianco di suo papà, un vigile del fuoco deceduto durante i soccorsi
Una delle immagini simbolo dei roghi in Australia: la piccola Charlotte indossa il caschetto bianco di suo papà, un vigile del fuoco deceduto durante i soccorsi
I

ntere foreste in fiamme e stime impressionanti che parlano di almeno un miliardo di animali uccisi. Sono bagliori inquietanti quelli che illuminano di una sinistra luce le giornate dell'Australia, costretta a fronteggiare un'emergenza incendi che, seppur non nuova per quell'area del mondo, ha spiazzato l'opinione pubblica internazionale per portata e dimensioni del fenomeno. Portando in dote immagini strazianti, di animali vittime delle fiamme e di chi, come la piccola Carlotta (immortalata con il caschetto bianco del papà pompiere), è stato costretto a piangere un caro. Al di là dell'azione diretta dell'uomo - che nei giorni scorsi è stata comprovata dagli oltre 180 arresti per dolo -, tale situazione la dice lunga anche sui cambiamenti climatici in atto che, indirettamente, favoriscono non tanto l'inizio quanto la propagazione del fronte degli incendi. E, naturalmente, le loro proporzioni: "Il punto - ha spiegato a In Terris Antonello Provenzale, direttore dell'Istituto di Geoscienze e georisorse del Cnr - è che è la presenza di combustibile a determinare la vastità di un incendio. Qui entra il problema del cambiamento climatico tra eccezionalità della stagione secca, scarse precipitazioni e caldo anomalo". Tutti fattori che, messi insieme, dipingono un quadro complesso e spinge non solo a riflettere ma ad agire con più decisione in termini di prevenzione.


Dottor Provenzale, dall'Australia continuano ad arrivare notizie e immagini inquietanti, che ci parlano di ecosistemi letteralmente andati in fumo e gravissimi disagi per la popolazione. Nei giorni scorsi si è in buona parte attribuita la responsabilità al dolo ma si è anche fatto ampio cenno ai mutamenti del nostro clima... Cosa sta succedendo in Australia?
"Dipende ovviamente dall’area geografica: in Australia si stima che circa metà degli incendi siano di natura umana, dolosa o accidentale, mentre l’altra metà sono di origine naturale. Situazione che differisce dall’Europa per esempio, dove quasi tutti gli incendi hanno un’origine umana, più del 90%. Nello stesso tempo, però, quello che importa non è tanto l’origine quanto la possibilità che l’incendio si propaghi e si intensifichi. Contano, in sostanza, le condizioni di quello che noi chiamiamo il combustibile, la legna o le piante. Nel caso australiano, si tratta soprattutto di eucalipti e di bush, un tipo di paesaggio composto principalmente da arbusti, facilmente infiammabile: si tratta di un ecosistema in cui gli incendi si inseriscono come un processo assolutamente naturale. Il problema, e qui entra il cambiamento climatico, è che nell’ultimo anno l’Australia è stata particolarmente secca, con precipitazioni molto al di sotto del normale e caldo anomalo. Molti studi hanno dimostrato che è la presenza di combustibile a determinare l’estensione di un incendio, l’area bruciata e, nel caso dell’Australia, si è verificata una condizione estremamente rara che ha combinato la scarsità di precipitazioni a temperature molto elevate rispetto alla media, predisponendo a incendi di grandi dimensioni un ecosistema che già di per sé vi è predisposto. Le condizioni sono state così estreme che anche ecosistemi di bosco, solitamente meno adatti, sono bruciati perché secchi. Quindi l’atto di inizio degli incendi può essere umano o naturale ma sono state le condizioni a favorire questa situazione, tutte riconducibili in qualche modo ai cambiamenti climatici".

Ha citato la regione mediterranea: parliamo di contesti simili?
"Nel Mediterraneo sta succedendo una cosa analoga: le estati dell’Europa mediterranea sono tendenzialmente più secche e più calde, e quini predispongono a maggiori incendi. In realtà questi sono diminuiti negli ultimi trent’anni ma perché sono migliorate le strategie di prevenzione e di controllo. Però, l’effetto della maggiore siccità estiva, se non migliorano ulteriormente queste strategie, rischia di riportare a un’estensione dell’area bruciata".

A proposito di prevenzione, al netto della combinazioni di elementi che hanno favorito la propagazione degli incendi, c'è il rischio che quella in atto in Australia sia un'escalation ormai difficilmente contrastabile?
"Chiaramente, quando un incendio si scatena, specie in ambienti come quello australiano, diventa difficile tenerli a bada, poiché le fiamme sono molto alte e, se c’è vento, queste si propagano molto velocemente. Quello che importa è che tutte le misure di prevenzione, di allerta rapida e precoce, e la previsione a livello stagionale che, in qualche modo, può dare la misura sulla possibilità o meno che si sviluppi un incendio. Quindi una strategia di prevenzione, poi il controllo nel momento in cui l’incendio si scatena è molto difficile, specie in ecosistemi intrinsecamente soggetti a questo tipo di fenomeno. Quello mediterraneo non fa eccezione. È chiaro che, nel momento in cui le fiamme si scatenano a ridosso di zone densamente abitate, diventano un problema anche se costituiscono un processo naturale. Per questo dobbiamo intervenire sia prevenendo che prevedendo, a distanza anche di pochi giorni, l’effettiva entità degli incendi predisponendo misure come lo spostamento dei canadair. Negli ultimi trent’anni queste misure sono servite ma con la siccità in aumento durante le estati occorre sicuramente un ulteriore passo".

Ormai è riconosciuto che i cambiamenti climatici siano effettivamente in atto predisponendo, assieme all'azione dell'uomo, le condizioni ideali per questo tipo di fenomeni, come accaduto ad esempio in California. Il rischio di trovarci sempre più spesso a fronteggiarli aumenta, di rimando, quello di rendere meno efficaci le abituali strategie di prevenzione?
"Alcuni lavori scientifici hanno dimostrato che se la temperatura in area mediterranea aumenta di due gradi, rispetto al preindustriale – quindi un grado in più rispetto a oggi – , si corre il rischio di vedere in alcune zone un raddoppio dell’area bruciata. Non stiamo parlando di una catastrofe ma sicuramente di un incremento significativo. Per affrontarlo, si sta lavorando molto sulle previsioni stagionali e, sostanzialmente, sulle strategie di protezione civile, con il coordinamento delle informazioni fra i diversi Paesi. È fuor di dubbio che, al netto del miglioramento avuto in questi anni, c’è bisogno di lavorare su tutti i metodi di prevenzione, dalla prevenzione precoce agli interventi, per poter fronteggiare una siccità in aumento".

Le stime che arrivano dall'Australia sono impietose, tra esemplari di flora e fauna falcidiati dalle fiamme. Siamo di fronte a danni irreparabili o c'è possibilità che gli ecosistemi in questione riescano a sopravvivere?
"È difficile in questo momento stimare i danni. Dipende sempre dal tempo scala, ossia il controllo di un’area bruciata a distanza di un certo periodo di tempo, ad esempio un anno. Molti ecosistemi sono adattati agli incendi quindi, in base alle tempistiche necessarie, solitamente venti o trenta anni, riescono a ristabilirsi. Non si tratta di danni irreparabili se si tratta di ambienti preparati agli incendi. Il caso dell’Amazzonia, per esempio, è differente poiché si tratta di roghi meno legati ai cambiamenti climatici e più alle strategie di gestione o alla deforestazione. E in questo caso il danno può essere irreparabile, proprio in virtù del danno aggiuntivo del disboscamento. Nel caso australiano e mediterraneo, anche con danni ingenti, gli ecosistemi riescono a rifiorire".

Abbiamo parlato di prevenzione: l'Australia sembra in procinto di adottare una soluzione a posteriori come l'abbattimento selettivo di 10 mila cammelli. Una scelta che, visti gli elementi in gioco, appare decisamente discutibile...
"Sembra una soluzione molto d’immagine ma poco efficace. Non sono certo questi animali la causa degli incendi in Australia ma cambiamenti climatici globali che vanno affrontati in quanto tali. Il governo australiano ha sempre poco considerato gli aspetti antropici sul riscaldamento globale e l’abbattimento selettivo suona come una boutade… È vero che i grandi allevamenti contribuiscono in parte all’effetto serra ma si tratta comunque di percentuali irrisorie che rendono questi provvedimenti completamente fuori luogo".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Nadia
13 Gennaio 2020 @ 10:24
La perdita di foreste e biodiversità aggiunti all'enorme quantità di Co2 riversate in atmosfera devono far dirottare i comportamenti di tutti, governanti in primis. Forse non si è capito ancora bene che cambiamento climatico non significa solo che cambierà qualche paesaggio o abitudine ma è la condanna a morte per l'umanità e la distruzione completa di un Creato perfetto e meraviglioso nella sua origine. Ognuno di noi deve agire e chiedere con forza l'abbandono di fonti fossili e pratiche distruttive contro la natura. A ognuno è richiesto uno sforzo. Stiamo uniti in questo!!

Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Preghiera del rosario
PRO VITA & FAMIGLIA

Genova: un rosario in piazza contro la blasfemia

Organizzato per pregare contro la cristianofobia e difendere l'identità religiosa
Ambulanza
L'ALLERTA

Coronavirus, primo caso in Germania

Si tratta di un cittadino bavarese, dato in buone condizioni ma in isolamento. Intanto sale a 106 il numero delle vittime
Il luogo dello schianto. Nel riquadro, i resti del velivolo
L'INCIDENTE

Afghanistan, giallo sullo schianto di un jet Usa

L'aereo è caduto in territorio talebano. Gli insorti: "Abbattuto un velivolo della Cia". Verifiche in corso
La pubblicità apparsa sul Grattacielo Pirelli
IL CASO

Milano, pubblicità di escort sul palazzo della Regione

Le immagini spuntano su una delle facciate del Pirellone. I consiglieri dem annunciano un'interrogazione
Stefano Bonaccini e Jole Santelli
IL VOTO

Emilia-Romagna e Calabria, le regionali in numeri

Affluenza alle stelle in Emilia, stabile nella regione del Sud. E i partiti di coalizione fanno il loro
Un carcere italiano
REGIONALI EMILIA-ROMAGNA

Nel carcere bolognese pochi detenuti hanno scelto di votare

Le ragioni dell'assenteismo spiegate dal responsabile della Comunità Educante con i Carcerati
NAPOLI

Corruzione e rivelazione segreti d'ufficio: 5 carabinieri in manette

Tre uomini dell'arma sono stati sospesi per un anno
I controlli alla stampa prima della conferenza stampa del ministro della Salute cinese a Pechino ieri - Foto © The Yomiuri Shimbun via AP Images
ALLERTA MONDIALE

Coronavirus, tutto quello che ancora non sappiamo

Aumentano i casi di contagio nel mondo. I morti salgono a 80

Consumo di droghe: necessario un osservatorio in ogni comune italiano

Siamo quelli che mangiano veg e comprano bio; siamo quelli che recitano il vangelo della sostenibilità e della...
I resti della Delta
CROTONE

Tragico schianto sulla statale Silana Crotonese

Una Nissan si è scontrata frontalmente con una Lancia
Sinisa Mihajlovic sulla panchina del Bologna
BOLOGNA

Mihajlovic ricoverato per terapia post trapianto

Il tecnico del Bologna era stato fatto oggetto di insulti a carattere politico nei giorni scorsi
Billie Eilish
LOS ANGELES | USA

Grammy, Billie Eilish entra nella storia nella notte dedicata a Bryant

Alicia Keys, in onore di Kobe, ha improvvisato la canzone "It's So Hard to Say Goodbye to Yesterday"
Uno pari, palla al centro

Centrosinistra 1 - Centrodestra 1. Palla al centro?

Bonaccini vince in Emilia Romagna dove il Pd frena la Lega; Santelli trionfa in Calabria. Spariscono i Cinque Stelle
Elezioni Emilia-Romagna
ELEZIONI REGIONALI

Calabria, vince la destra. L'Emilia-Romagna resta a sinistra

I commenti e le reazioni a caldo di tutte le forze politiche. Zingaretti: "Grazie sardine". Salvini: "Orgoglioso...
Alluvioni in Brasile
MINAS GERAIS

Alluvioni in Brasile: 44 vittime, 17mila sfollati

Il presidente Jair Bolsonaro ha assicurato che il suo governo sta facendo "tutto il possibile"
ITALIA

Il Ponte Morandi ci ha condannati. Ora chiediamo giustizia

A Interris.it parla Egle Possetti, Presidente del Comitato Vittime del Ponte Morandi