MERCOLEDÌ 13 MAGGIO 2015, 10:16, IN TERRIS

PAKISTAN, ATTACCO CONTRO UN BUS: 41 MORTI E 25 FERITI

L'assalto sarebbe stato rivendicato dai Talebani (Ttp)

AUTORE OSPITE
PAKISTAN, ATTACCO CONTRO UN BUS: 41 MORTI E 25 FERITI
PAKISTAN, ATTACCO CONTRO UN BUS: 41 MORTI E 25 FERITI
Sono almeno 41 i morti causati dall'attacco contro un autobus di sciiti che si trovava nella città di Karachi, nel sud del Pakistan. Secondo le prime informazioni le vittime sarebbero 25 uomini e 16 donne, inoltre ci si sarebbero anche 25 feriti tra cui molti bambini. Le presone rimaste ferite sono state trasportate nei vicini ospedali dove è stato dichiarato lo stato di emergenza. Un portavoce della polizia, Afzal Nadeem Dogar, ha spiegato che l'autobus "si stava dirigendo verso un centro della comunità ismaelita" ed ha aggiunto che si tratta di "un attacco di tipo settario".

Alcuni testimoni hanno raccontato che l'agguato è stato compiuto da circa 10 uomini armati che si sono avvicinati al mezzo di trasporto a bordo delle moto, prima hanno circondato l'autobus e hanno aperto il fuoco, in un secondo momento sono saliti a bordo e hanno iniziato a sparare a quanti erano ancora in vita. Il premier Nawaz Sharif ha condannato l'attacco, annunciando che verrà aperta un'indagine e porgendo le condoglianze ai familiari delle vittime. Quest'anno numerosi attentati hanno preso di mira moschee sciite. Fra queste una a Shikarpur, sempre nel sud del Pakistan, in cui 55 persone sono morte e altre 50 circa sono rimaste ferite.

Gli attentati di carattere settario in Pakistan, soprattutto contro la minoranza sciita che rappresenta circa il 20% della popolazione, sono aumentati negli ultimi anni, con l'inasprirsi della violenza terrorista da fine 2012. A giugno 2013 un attentato vicino a un centro di preghiera a Quetta, nell'ovest del Pakistan, ha provocato 30 morti e 60 feriti, mentre all'inizio del 2014 tre massacri in quartieri sciiti di Quetta e Karachi hanno causato oltre 250 morti.

L'attacco - stando all'agenzia di stampa cinese Xinhua - è stato rivendicato dai Talebani del Pakistan (Ttp). Il generale Raheel Sharif era ieri in Afghanistan con il premier Nawaz Sharif che ha incontrato a Kabul il presidente Ashraf Ghani. In una conferenza stampa congiunta dopo i colloqui, Ghani e Sharif hanno annunciato il raggiungimento di un accordo per effettuare "operazioni coordinate" contro gli insorti attivi lungo il confine tra i due Paesi perché il "terrorismo è una minaccia comune".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
La caccia al killer (repertorio)
IGOR IL RUSSO

Caccia ai complici
del killer

Almeno 10 persone sono nel mirino degli inquirenti italiani. I media spagnoli: "Feher non collabora"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"