MERCOLEDÌ 15 APRILE 2015, 11:11, IN TERRIS

OBAMA RIMUOVE CUBA DALLA "LISTA NERA" DEL TERRORISMO

Adesso per ultimare il processo bisogna passare tutto al vaglio del congresso

CLAUDIA GENNARI
OBAMA RIMUOVE CUBA DALLA
OBAMA RIMUOVE CUBA DALLA "LISTA NERA" DEL TERRORISMO
Ancora passi in avanti nel disgelo delle relazioni tra Stati Uniti e Cuba. Il presidente Usa Barack Obama ha dato il suo via libera per la rimozione di Cuba dalla lista dei Paesi che sostengono il terrorismo. La Casa Bianca ha trasmesso al Congresso i documenti e le certificazioni che indicano l’intenzione di rimuovere Cuba dalla lista nera dei Paesi sponsor del terrorismo. La lettera inviata al Congresso dal Presidente, comunica la sua intenzione e certifica che il governo di Castro “non ha fornito alcun sostegno al terrorismo internazionale” negli ultimi sei mesi, e che le autorità “hanno fornito assicurazioni sul fatto che non sosterranno atti di terrorismo internazionale in futuro”.

L’Avana è inclusa tra i Paesi sponsor del terrorismo dal primo marzo del 1982, assieme a Paesi come la Siria e l’Iran. Il passo ufficiale di Washington sbloccherebbe la riapertura delle rispettive ambasciate e si potrebbe così completare il processo di riavvio delle relazioni diplomatiche che si sono interrotte nel 1961, quando su ordine del repubblicano Eisenhower venne chiusa l’ambasciata nel paese latino. Un primo spiraglio per la riammissione di Cuba nella grande famiglia americana si era aperto nel giugno 2009, durante la riunione dell’Organizzazione degli stati americani (Oea), a San Pedro Sula, in cui Barack Obama aveva abbandonato i toni bellicistici del suo predecessero.

Ma per tutta risposta, il governo cubano ha lasciato intendere di non aver fretta di rientrare in un organismo considerato il “cavallo di Troia” dei gringos. Anche negli ultimi anni l’ala radicale del subcontinente ha cercato di proporre qualcosa (un’organizzazione, un’unione doganale, una banca) che riesca ad andare oltre l’Oea per liberarsi dell’ingombrante fratello del Nord, ma sembra che le politiche internazionali si stiano muovendo in altre direzioni. Comunque per Obama non solo conclusioni positive nel vertice di Panama, infatti si è scontrato con la freddezza del Venezuela, verso cui potrebbe spostarsi il blocco che si sta togliendo a Cuba. Ma soprattutto tutti i passaggi della distensione con L’Avana debvono essere sottoposti al vaglio di un Congresso tanto più ostile a Obama quanto più di avvicinano le elezioni presidenziali del 2016. La stessa Hillary Clinton potrebbe usare l’argomento per coprirsi ulteriormente a destra.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
polizia somala
SOMALIA

Sangue a Mogadiscio: attentato in una scuola di polizia

Un uomo del gruppo al-Shabaab si è fatto saltare in aria: almeno 17 morti
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"