MARTEDÌ 14 MARZO 2017, 15:30, IN TERRIS

Nuovo attacco di Erdogan all'Olanda: "Loro responsabili di Srebrenica, sono marci"

Il presidente turco: "Hanno consentito la strage di 8 mila musulmani". La replica di Rutte: "Disgustosa distorsione della storia"

AUTORE OSPITE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Nuovo attacco di Erdogan all'Olanda:
Nuovo attacco di Erdogan all'Olanda: "Loro responsabili di Srebrenica, sono marci"
Nuovo attacco di Recep Tayyip Erdogan ai Paesi Bassi, accusati insieme alla Germania di sostenere il "No" al presidenzialismo in vista del referendum indetto da Ankara per il prossimo aprile. "Conosciamo l'Olanda e gli olandesi dal massacro di Srebrenica. Sappiamo che carattere marcio hanno dal loro massacro di 8 mila bosniaci" ha detto Erdogan, considerando L'Aja "responsabile della peggiore strage dalla Seconda guerra mondiale". Erdogan ha fatto riferimento al battaglione olandese di caschi blu dell'Onu che non impedì l'uccisione di 8 mila musulmani da parte delle forze serbo-bosniache a Srebrenica nel 1995. Parole che il premier olandese Mark Rutte ha definito una "disgustosa distorsione della storia".

Nelle scorse ore Ankara ha disposto la sospensione delle relazioni diplomatiche ad alto livello con l'Aja e la chiusura dello spazio aereo turco ai diplomatici dei Paesi Bassi. Impedendo di fatto il rientro ad Ankara dell'ambasciatore olandese attualmente in vacanza all'estero. Il governo Erdogan ha annunciato inoltre che chiederà di "stralciare" il Trattato di Amicizia che lega i due Paesi. "In atto c'è una crisi molto profonda che noi non abbiano né iniziato né tantomeno portata a questo livello", ha detto Kurtulmus in una conferenza stampa al termine della riunione settimanale di governo.

A nulla sono valsi gli appelli della Ue ad "abbassare i toni" e della Nato, ad entrambi gli alleati, ad adottare un "approccio misurato". Per tutta risposta da Ankara è arrivata una nuova minaccia, stavolta a tutta la Ue e su una delle questioni che la tocca più nel vivo: l'accordo sui migranti, che il ministro turco per l'Europa, Omer Celik, ha annunciato di voler rivedere. E il presidente Erdogan ha rilanciato anche sui toni, accusando la Germania di sostenere il terrorismo, solo perché aveva espresso solidarietà all'Olanda.

L'incidente diplomatico scoppiato sabato, dopo che il Governo dell'Aja ha respinto il volo del ministro degli esteri turco atteso a Rotterdam per un comizio, è tutt'altro che rientrato. La Turchia ha detto che si rivolgerà alla Corte dei diritti dell'uomo e ha convocato il più alto diplomatico olandese presente nel Paese per protestare contro il trattamento riservato al titolare degli esteri e alla sua collega della famiglia, Fatma Betl Sayan Kay, che pure aveva provato a raggiungere il consolato di Rotterdam sabato, per parlare in favore del referendum costituzionale del 16 aprile davanti a centinaia di manifestanti pro-Erdogan.

L'Olanda ha invece chiesto che Ankara ritiri le accuse di "fascismo e nazismo" altrimenti "le relazioni" tra i due Paesi "resteranno difficili", ha detto il vicepremier Lodewijk Asscher.
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Fiorentina-Napoli 3-4. L'esultanza degli Azzurri
SERIE A

Show e polemiche al Franchi, il Napoli fa il pieno

Gli azzurri replicano alla Juve e si impongono 4-3 sulla Fiorentina, furiosa per un penalty assegnato a Mertens
Cristiano Ronaldo
CAMPIONATO DI CALCIO

Riparte la Seria A con Parma-Juventus

Da quest'anno regole più severe sui falli di mano e cartellini per gli allenatori
Protesta dei navigator in Campania
REDDITO DI CITTADINANZA

Sciopero della fame dei navigator

In Campania braccio di ferro tra i vincitori del concorso e il governatore
Aula scolastica
ISTRUZIONE

In classe per diventare buoni cittadini

Il 5 settembre l’educazione civica torna ad essere materia obbligatoria. Cosa cambia per la scuola
Scontri a Hong Kong
ASIA

Guerriglia urbana a Hong Kong: 1 ferito

Nuovo lancio di molotov e cariche della polizia sui manifestanti
Religioni per la pace
ECUMENISMO

Sostenere la campagna per l’abolizione delle armi nucleari

La dichiarazione finale della X Assemblea mondiale delle religioni per la pace di Lindau
Vescovato di Avellino
CAMPANIA

Avellino, bomba al vescovato: 3 feriti

Fermato un uomo: Nelson Lamberti, 49 anni, salernitano ma residente a Forino
Il vescovo Pompili durante la celebrazione ad Amatrice
COMMEMORAZIONE TERREMOTO 2016

Mons. Pompili: "Senza un progetto non si va da nessuna parte"

L'omelia del Vescovo di Rieti ad Amatrice nella messa per il terzo anno dal sisma del Centro Italia