MARTEDÌ 07 LUGLIO 2015, 19:15, IN TERRIS

NUOVI ATTACCHI IN NIGERIA, BOMBA NELLA SEDE DEL GOVERNO DI ZARIA: 25 MORTI

Un uomo si è fatto saltare in aria all'interno della struttura dove erano presenti centinaia di dipendenti

HORTENSIA HONORATI
NUOVI ATTACCHI IN NIGERIA, BOMBA NELLA SEDE DEL GOVERNO DI ZARIA: 25 MORTI
NUOVI ATTACCHI IN NIGERIA, BOMBA NELLA SEDE DEL GOVERNO DI ZARIA: 25 MORTI
Un'ondata di violenza che non trova tregua quelle che sta assediando la Nigeria dalla scorsa settimana. Questa volta la città colpita è Zaria, nel nordovest del Paese. Un kamikaze si sarebbe fatto esplodere in un edificio del governo locale con un bilancio di 25 morti e 32 feriti. La deflagrazione è avvenuta alla presenza di centinaia di dipendenti e si ritiene infatti che la maggior parte delle vittime fossero funzionari di vari dipartimenti locali e insegnanti.

"L'attentatore suicida - ha raccontato all'agenzia di stampa dpa Mohammed Isa, un residente presente all'interno dell'edificio quando è stato sferrato l'attacco - ha fatto esplodere la bomba dopo che gli uomini della sicurezza lo hanno fermato prima di entrare in una grande sala", dove migliaia di dipendenti del governo venivano sottoposti al controllo dell'identità. Per il momento l'attentato non è stato rivendicato, ma si suppone che dietro ci sia Boko Haram.

E' passato solo un giorno dall'ultima serie di attacchi, nei quali hanno perso la vita 44 persone. Il primo è avvenuto in una moschea di Yantaya ad opera di un kamikaze che ha attivato gli ordigni dopo che il predicatori invitava i fedeli ad una convivenza pacifica con le altre religioni. Il secondo ha avuto come obiettivo un ristorante molto frequentato nel quartiere uccidendo diversi civili. In sole due settimane si contano oltre cento morti, un bilancio che non sembra fermarsi e che sembra crescere quotidianamente.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"