GIOVEDÌ 16 APRILE 2015, 001:00, IN TERRIS

NUCLEARE, OBAMA CERCA IL SI' DEL CONGRESSO. ROHANI: "VIA LE SANZIONI O NIENTE ACCORDO"

Il presidente iraniano su Twitter: "La nostra controparte sono i 5+1 non Washington". Israele esulta: "Vittoria di Netanyahu"

AUTORE OSPITE
NUCLEARE, OBAMA CERCA IL SI' DEL CONGRESSO. ROHANI:
NUCLEARE, OBAMA CERCA IL SI' DEL CONGRESSO. ROHANI: "VIA LE SANZIONI O NIENTE ACCORDO"
La partita sul nucleare non è ancora chiusa. Ieri è stata attribuita al Congresso il potere di ratificare l'accordo raggiunto prima di Pasqua. La commissione Esteri del Senato Usa ha, infatti, approvato all'unanimità (19 sì e nessuno no) con totale condivisione bipartisan tra repubblicani e democratici, un provvedimento che attribuisce all'assemblea legislativa statunitense il compito di rivedere l'intesa con la Repubblica islamica. Testo che però ha ricevuto il sostanziale placet della Casa Bianca rispetto all'originale che avrebbe potuto far deragliare i colloqui. Si tratta comunque di una forzatura nei fatti perché Barack Obama non intende rinunciare alle sue prerogative presidenziali, che in tema di trattati internazionali gli consentono di fare a meno di Camera e Senato. E tuttavia mentre il Presidente può snobbare il Congresso sull'intesa, altrettanto non può fare sulla revoca delle sanzioni. In tema di sanzioni solo il Congresso può decidere.

Proprio in questo senso, allora, vanno interpretate le parole del presidente iraniano Hassan Rohani che ha posto ancora una volta la rimozione delle sanzioni quale condicio sine qua non per andare a dama sul nucleare. "La nostra controparte non sono il Senato o il Congresso Usa, è il gruppo 5+1- ha scritto dal suo account Twitter. Devono capire che se non c'è la fine delle sanzioni, non ci sarà un accordo". Rohani a ha poi spiegato: "Quello che vogliono il Senato Usa, il Congresso, i loro alleati e gli hardliner non è un affare che ci riguarda. In cambio del nostro impegno, della nostra buona volontà e del nostro rispetto, chiediamo altrettanto". Secondo Rohani "non è solo il popolo iraniano a volersi impegnare economicamente e culturalmente con il resto del mondo, sono le aziende straniere e gli investitori a non poter aspettare un accordo definitivo".

Intanto l'accordo fra Obama e il Congresso è stato accolto positivamente da Israele, il Paese più interessato dall'esito dell'affaire sull'energia atomica di Teheran. Il ministro dell'Intelligence, Yuval Steinitz, ha espresso tutta la sua soddisfazione per quella che viene definita una vittoria di Netanyahu e della sua politica. "Il suo discorso al Congresso - ha detto alla Radio israeliana - è stato decisivo nel raggiungimento di questa legge, che è un elemento molto importante nel prevenire un cattivo accordo, o almeno, per migliorare l'accordo e renderlo più ragionevole"
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.