GIOVEDÌ 02 APRILE 2015, 15:10, IN TERRIS

NUCLEARE, LA TRATTIVA NON SI FERMA. GLI ULTIMI TENTAIVI PER RAGGUNGERE UN ACCORDO

Tensione a Losanna, gli Stati Uniti minacciano di andarsene, poi Kerry decide di rimanere per concludere l'intesa

HORTENSIA HONORATI
NUCLEARE, LA TRATTIVA NON SI FERMA. GLI ULTIMI TENTAIVI PER RAGGUNGERE UN ACCORDO
NUCLEARE, LA TRATTIVA NON SI FERMA. GLI ULTIMI TENTAIVI PER RAGGUNGERE UN ACCORDO
I colloqui a Losanna sul nucleare iraniano che vedono coinvolti Teheran e il gruppo 5+1 (Usa, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania) si sono interrotti, "riprenderanno tra poche ore" aveva scritto con un Tweet Maria Harf, del dipartimento di Stato degli Usa. Le delegazioni riunite nella cittadina svizzera stanno provando a superare gli ultimi nodi che ostacolano la chiusura dell'intesa, in particolar modo i tempi della revoca delle sanzioni contro l'Iran.

"Siamo ai metri finali, i più duri", aveva affermato ieri il ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius. La scadenza per giungere ad un accordo conclusivo sul tema del nucleare era prevista per il 31 marzo e il presidente Barack Obama in una telefonata con il ministro degli Esteri John Kerry ordinando di trattenersi a Losanna per "andare avanti". L'intervento è avvenuto durante la videoconferenza con il team della sicurezza nazionale avvenuta nella notte del 1 aprile, quando si è verificato il "braccio di ferro" con le autorità di Teheran.

Ancora non è possibile sapere se le parole del presidente Obama siano riuscite o meno a modificare il corso delle trattative, certo è che gli Stati Uniti nella sera del 1 aprile hanno mostrato un certo nervosismo minacciando di abbandonare la seduta. A fine giornata dunque i Paesi del 5+1 dovrebbero giungere a un compromesso finale, ma qual'ora questo non accadesse non si esclude un inasprimento delle sanzioni. Da parte sua il portavoce della Repubblica Islamica, Zarif ha così esortato le potenze mondiali presenti al tavolo: "L'Iran ha mostrato la sua disponibilità a impegnarsi con dignità. E adesso arrivato il momento che le nostre controparti colgano il momento e utilizzino questa opportunità che potrebbe non ripetersi"
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
La caccia al killer (repertorio)
IGOR IL RUSSO

Caccia ai complici
del killer

Almeno 10 persone sono nel mirino degli inquirenti italiani. I media spagnoli: "Feher non collabora"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"