LUNEDÌ 06 LUGLIO 2015, 16:01, IN TERRIS

NUCLEARE: "ACCORDO CON L'IRAN SEMPRE PIU' VICINO, MA RESTA IL NODO DELLE ISPEZIONI MILITARI"

Sembra invece che siano stati risolti i punti sulle sanzioni e sulla dimensione bellica del programma di Teheran

AUTORE OSPITE
NUCLEARE:
NUCLEARE: "ACCORDO CON L'IRAN SEMPRE PIU' VICINO, MA RESTA IL NODO DELLE ISPEZIONI MILITARI"
È sempre più vicino l’accordo tra l’Iran e le sei potenze mondiali sul programma nucleare di Teheran. A Vienna è infatti iniziata la riunione dei ministri degli Esteri dei Paesi impegnati nei negoziati per arrivare a un’intesa. Ora resta da sciogliere il nodo delle ispezioni ai siti militari della Repubblica islamica iraniana. Si tratta di un accordo che ha il potenziale non solo di rilanciare l’economia dell’Iran, ma anche di rimodellare la geopolitica di tutto il Medio oriente. Per il presidente Usa Barak Obama il negoziato rappresenta la prima priorità di politica estera, anche se molti dei più fedeli alleati di Washington – in particolare Israele e Arabia Saudita – sono contrari ai negoziati.

Stando a quando riferisce il Financial Times, i diplomatici sono alla ricerca di un accordo rapido, ma le attività svolte nel weekend lasciano ipotizzare una conclusione ancora più rapita. Questo perché la Casa Bianca avrebbe bisogno di presentare i termini dell’intesa al Congresso entro giovedì. Lo stesso segretario di Stato John Kerry ha dicharato: “Non siamo ancora dove dobbiamo essere. Ma siamo più vicini di quanto siamo mai stati” in passato.

I cosiddetti 5+1, ovvero i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’Onu (Russia, Usa, Cina, Gran Bretagna, Francia), con l’aggiunta della Germania. Hanno approvato il progetto per un accordo a Losanna, in Svizzera nel mese di aprile. Ma tre mesi di discussioni tecniche non sono bastati a completare l’accordo e risolvere le questioni in sospeso. Kerry ha trascorso sei giorni consecutivi con il suo omologo iraniano, Mohammad Javad Zarif. Inizialmente, alti diplomatici occidentali ritenevano che l'Iran stesse cercando di fare marcia indietro su alcune delle questioni concordate nell'intesa preliminare di losanna. La situazione di stallo è apparsa superata dopo che Zarif è volato a Teheran tornando in compagna di Hossein Fereydoun, fratello e stretto collaboratore del presidente Hassan Rouhani, e Ali Akbar Salehi, capo dell'agenzia atomica di Teheran. La loro presenza è stata vista da molti osservatori come un segnale di progresso sulle questione tecnica rimaste in sospeso.

Sembra però che due dei tre punti critici sul piatto di Vienna si siano risolti. In primo luogo la questione della revoca “scadenzata” delle sanzioni, sarebbe stata “in gran parte concordata”. In sostanza, “l’operazione comporterà un alleggerimento immediato delle sanzioni finanziarie e la fine delle sanzioni internazionali imposte dal Consiglio di sicurezza”, come hanno riferito due negoziatori presenti a Vienna. Un compromesso sarebbe stato trovato anche sulla questione di un meccanismo automatico “Snapback”, in base al quale le sanzioni verrebbero ripristinate in caso di mancato rispetto dell’accordo da parte di Teheran: verrà istituito un “comitato di esperti” che dovrà “sorvegliare sulle conformità e riferire al Consiglio di sicurezza”.

Sulla questione della “possibile dimensione militare” del programma nucleare dell’Iran, le parti sarebbero arrivate vicino a una soluzione. Yukiya Amano, capo dell’Agenzia Internazionale per l’energia atomica, ha detto di aspettarsi che le questioni rimaste in sospeso da questo settore saranno “risolte entro la fine dell’anno”.

L’unico vero problema irrisolto sono le ispezioni militari internazionali: Teheran mostra resistenza alle proposte che darebbero agli ispettori internazionali l’accesso ai siti militari sensibili per verificare il rispetto, dopo l’entrata in vigore dell’accordo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Dan Johnson
KENTUCKY

Si suicida deputato accusato di stupro

Il repubblicano Dan Johnson era nell'occhio del ciclone per un presunto caso di violenza sessuale
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"