LUNEDÌ 19 NOVEMBRE 2018, 13:58, IN TERRIS

AUTOMOBILI

Nissan-Renault, arrestato il presidente Ghosn

Il manager brasiliano, ideatore del super-asset con Mitsubishi, fermato per evasioni fiscale

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Carlos Ghosn
Carlos Ghosn
E

vasione fiscale: questa l'accusa lanciata a Carlos Ghosn, amministratore delegato della Nissan-Renault-Mitsubishi Motor e vero e proprio leader dell'azienda top, nel 2017, per produzione di automobili. Una mazzata per il titolo, che precipita in Borsa a ritmi vertiginosi (-12%) ma anche per lo stesso Ghosn, arrestato a Tokyo per sospetta violazione dei regolamenti finanziari relativi al suo compenso: secondo quanto ipotizzato dagli inquirenti, il manager brasiliano avrebbe per l'appunto fornito informazioni false sul proprio compenso e sui bilanci aziendali, citati come "significativi abusi". Le autorità giapponesi hanno avviato un'indagine su di lui poiché, secondo quanto ipotizzato, avrebbe utilizzato fondi societari in modo improprio e ridotto progressivamente e in modo sistematico l'importo del proprio compenso nelle comunicazioni ufficiali.


La strategia

Secondo il quotidiano nipponico Ashai Shimbun, Ghosn era già stato ascoltato dai magistrati (ai quali si era presentato spontaneamente dopo l'apertura dell'indagine a suo carico). Stando a quanto scritto dal giornale, il quale ha citato fonti vicine all'indagine, "la Procura di Tokyo ha chiesto lunedì sera a Ghosn di presentarsi volontariamente per rispondere del sospetto di aver violato la legge. E' sospettato di non aver rivelato tutti i suoi redditi". L'interrogatorio di Ghosn si è svolto a Tokyo proprio in virtù dell'asset franco-giapponese creato dallo stesso manager a partire dal 1999, che vede partner nel titolo Renault anche la Nissan e la Mitsubishi: il piano dell'ad ha previsto l'acquisto del 36,4% della prima (con investimento di una cospicua somma per il restyling del gruppo) e di un altro 15% in un momento successivo.


Ripercussioni in Borsa

La strategia di Ghosn alla guida di Nissan-Renault-Mitsubishi ha portato il brand ai vertici del mercato automobilistico, rendendo la mega-azienda il primo produttore e concessionario nell'anno 2017 (10,6 milioni di vetture vendute). Ora, con il crack della sua figura si è assistito alla picchiata del titolo in borsa: un dato preoccupante sul quale vigila anche il governo francese, con il presidente Emmanuel Macron a garantire che l'intenzione dell'esecutivo è "preservare la stabilità dell'alleanza e del gruppo". Non è chiaro sulla base di quali elementi sia partita l'indagine ma, secondo alcuni media, alla base ci sarebbero le rivelazioni di un whistleblower.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Poliziotti
ROMA

Poliziotto si suicida in casa: è il settimo da inizio anno

Libero Sindacato di Polizia (Lisipo): "Sempre più vittime. Necessario un pool di psicologi"
Mandela Forum
GIORNO DELLA MEMORIA

Al Mandela Forum per non dimenticare la Shoah

L'eredità ideale e spirituale dei sopravvissuti all'Olocausto per 7 mila studenti degli istituti toscani
Azienda di moda
CATEGORIE

Uno, nessuno, centomila talenti

Da nord a sud le iniziative di promozione dei settori e delle competenze made in Italy. Il ruolo della Camera di Commercio di...
Un frame del video
RAGAZZINE VIOLENTE

Casoria: Baby Gang al femminile picchia amichetta

Il video dell'aggressione di gruppo ha sollevato un caso ed è diventato virale
Capodanno cinese a Roma in una passata edizione
VIRUS CINA

Oms: "In Vietnam primo caso di contagio non importato"

Salito a 56 il bilancio delle vittime. Annullati festeggiamenti del Capodanno a Milano e Roma
Affluenza alle urne
REGIONALI

Affluenza in crescita alle urne

Rispetto all'ultima tornata, le elezioni richiamano al voto il doppio delle persone in Emilia-Romagna. Forte aumento anche in...
Il materiale sequestrato
TORINO

Clan favoriva l'immigrazione di islamici radicali

Il gruppo aveva come leader un tunisino 40enne, rimpatriato
Papa Francesco e Padre Gonzalo Aemilius
NOMINA IN VATICANO

Un prete di strada accanto a Francesco

Padre Gonzalo Aemilius, del clero di Montevideo, è il nuovo segretario personale del Papa
Papa Francesco all'Angelus
ANGELUS

"Fidiamoci della parola di Cristo che cambia il mondo e i cuori"

Nei saluti, il Papa ha ricordato l'anniversario della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau
Film Festival
CINEMA

Festival "Italia in the World": lunedì la presentazione

Promossa da Italiani nel mondo, la IV edizione è dedicata all'Australia
La scheda elettorale per le Regionali con i candidati dell'Emilia Romagna
GIUNTA E ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Regionali in Emilia-Romagna e Calabria: 5 mln al voto

Scontro tra Bonaccini (Pd) e Borgonzoni (Lega) e, al Sud, tra Santelli (centro destra) e Callipo (Pd)
Il luogo del delitto
OMICIDIO AL NUOVO SALARIO

Roma, 43enne ucciso con colpi di pistola alla testa

Era in permesso premio. Gli investigatori ipotizzano una faida tra clan
ANIMALI

Sorpresa nelle acque del Salento

Sulla spiaggia di Frigole, in provincia di Lecce, la prova definitiva della presenza di un animale particolare
PALERMO

Giorgia, il lato bello della lotta

Presidente di Mete Onlus, si batte da sempre per i diritti dei più deboli. Il cancro? L'obiettivo è la Vita