LUNEDÌ 27 GIUGNO 2016, 14:00, IN TERRIS

NIGERIA, LIBERATI I 7 CONTRACTORS RAPITI LA SETTIMANA SCORSA

Era dal gennaio 2010 che non si verificavano rapimenti di cittadini stranieri

AUTORE OSPITE
NIGERIA, LIBERATI I 7 CONTRACTORS RAPITI LA SETTIMANA SCORSA
NIGERIA, LIBERATI I 7 CONTRACTORS RAPITI LA SETTIMANA SCORSA
Sette contractors, tra cui tre australiani e un sudafricano, sono stati rilasciati quattro giorni dopo che erano stati rapiti da uomini armati nel Sud della Nigeria. La polizia ha emesso rapporti contrastanti sul numero dei sequestrati, sulle loro nazionalità e sulle loro condizioni di salute. L’unica cosa certa è che lavoravano per la società di cemento Lafarge e che erano stati catturati 7 giorni fa alla periferia di Calabar, capitale del Cross River State, nel Delta del Niger. Domenica, Jimoh Ozi-Obeh, commissario del Cross River State, ha detto che erano tutti “illesi” al momento del rilascio. Tuttavia, la Macmahon Holdings, società di contractors, ha dichiarato in una dichiarazione che cinque dei sette lavoratori erano feriti, due dei quali gravemente.

Era dal gennaio 2010 che non si verificavano, nel sud-est della Nigeria, rapimenti di cittadini stranieri. La recrudescenza potrebbe essere causata dal profondo dissenso della popolazione nei confronti delle autorità centrali a causa del taglio dei sussidi statali e della riduzione del Programma di Amnistia e Reintegrazione. Il Par è un fondo straordinario creato dal governo per stimolare l’economia delle regioni meridionali e interrompere l’insurrezione del Movimento per l’Emancipazione del Delta del Niger (Mend).

In concomitanza con la riduzione del Par, decisa dal nuovo Presidente Mohamed Buhari, si è assistito alla nascita di nuovi gruppi insurrezionali, tra i quali spiccano i Niger Delta Avengers (Nda, “Vendicatori del Delta del Niger”), attivi dallo scorso gennaio e decisi ad ottenere l’indipendenza delle regioni meridionali del Paese. La loro azione è stata sinora concentrata su attacchi contro le infrastrutture petrolifere, ma non è da escludere la possibilità di nuovi gruppi ispirati ai Nsa che, oltre agli attacchi contro oleodotti e gasdotti, potrebbero concentrarsi sul lucroso business del rapimento degli occidentali.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
SANITÀ

Allarme vaccini: i centri sono in tilt

Crisi dovuta alla legge sull'obbligo e all'assenza di personale. E prosegue la polemica politica
Emma Bonino
ELEZIONI

Bonino promette: "Sanatoria per gli immigrati irregolari"

La leader radicale vuole risolvere così il problema dei 500mila clandestini
Germania, scuolabus si schianta contro il muro di una casa
STOCCARDA

Scuolabus si schianta contro una casa: 47 feriti

Sei bambini sarebbero in gravi condizioni
Giuseppe Sala, sindaco di Milano ed ex amministratore di Expo
EXPO MILANO

Sala: chiesto il rinvio a giudizio per abuso di ufficio

Per l'affidamento diretto alla Mantovani spa della fornitura di 6mila alberi
Il commissario Ue agli Affari economici, Pierre Moscovici
UNIONE EUROPEA

Moscovici: "In Italia c'è rischio politico per l'Ue"

Il commissario Ue agli Affari economici: "Siamo usciti dall'era delle grandi crisi europee"
Simone Verdi e Lucas Moura
CALCIOMERCATO

Napoli: Verdi rifiuta, l'alternativa è Lucas Moura

Il Bologna punta a rinforzarsi: la società emiliana punta al ritorno di Gabbiadini
Bambino impaurito
SUSA

Bimbi maltrattati all'asilo: maestra arrestata

La denuncia partita da un'altra operatrice scolastica
Mihai Tudose
ROMANIA

Tudose apre la crisi di governo

Il premier si è dimesso dopo aver incassato la sfiducia del suo partito