LUNEDÌ 18 MAGGIO 2015, 19:15, IN TERRIS

NEPAL: PRONTO IL PIANO PER RICOSTRUIRE I SITI ARCHEOLOGICI

Dopo le tremende scosse il Paese è pronto a rialzarsi tutelando anche il proprio patrimonio storico artistico

AUTORE OSPITE
NEPAL: PRONTO IL PIANO PER RICOSTRUIRE I SITI ARCHEOLOGICI
NEPAL: PRONTO IL PIANO PER RICOSTRUIRE I SITI ARCHEOLOGICI
In Nepal, a tre settimane dal terribile sisma che ha provocato più di 8500 vittime, c’è un nuovo obiettivo: salvaguardare e restaurare i siti archeologici danneggiati. Si partirà infatti con la ricostruzione delle più antiche radici culturali e archeologiche del Paese. Ai 137 siti nepalesi rasi al suolo e ai 444 danneggiati, sarà infatti destinato un piano in tre fasi, ha scritto il quotidiano locale “The Rising Nepal”, riportando l’annuncio del ministro per la Cultura, il turismo e l’aviazione civile, Deepak Chandra Amatya. Un piano che prevede interventi di restauro e recupero a breve, medio e lungo periodo, presentato durante l’incontro dalla commissione parlamentare per le Relazioni internazionali e il lavoro per tracciare un bilancio dei danni arrecati dal terremoto dello scorso 25 aprile e dalle successive scosse di assestamento e per studiare piani di intervento.

Per il presidente della commissione, Prabhu Shah, la priorità è di proseguire il monitoraggio dei danni riportati e intensificare le operazioni di recupero dei reperti scomparsi, perché per i lavori di ricostruzione sarà necessario il feedback degli esperti.

La paura però ancora non è passata: infatti dopo i terremoti sono le frane a minacciare il Nepal. L’allarme è lanciato dai geologi, secondo i quali dopo i dissesti causati dalle violente scosse e dalle loro numerose repliche, le frane rischiano di seppellire interi villaggi e far crollare le strade. Il Paese è già normalmente un’area calda per le frane, a causa dei terreni instabili e delle forti piogge, ma – sottolineano i geologi – i recenti terremoti hanno peggiorato la situazione. Inoltre in giugno le piogge monsoniche inizieranno a “inzuppare” le colline già destabilizzate, aumentando il rischio di frane disastrose.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'accusa nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Facebook
SOCIAL MEDIA E FISCO

Svolta Facebook: pagherà le tasse dove incassa

Il colosso di Menlo Park passerà a un sistema di vendite locali
Sergio Mattarella e Paolo Gentiloni (repertorio)
VERSO IL VOTO

Elezioni il 4 marzo, l'annuncio prima di Capodanno

Lo riporta il Corriere della Sera. Gentiloni l'antidoto di Mattarella allo "scenario spagnolo"