GIOVEDÌ 30 GENNAIO 2020, 00:50, IN TERRIS

NORD AFRICA

Nave turca al largo della Libia: tregua a rischio

Il cargo si sarebbe trovato lì per soccorrere dei migranti. Ma per le forze di Haftar, trasportava uomini e mezzi a Tripoli

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
La Tcg Gaziantep e altre navi durante un'operazione
La Tcg Gaziantep e altre navi durante un'operazione
R

ischia seriamente di vacillare la tregua faticosamente sottoscritta da Khalifa Haftar e Fayez al-Serraj. Dalla firma di Berlino a oggi, appena un paio di settimane fa, la situazione fra Tripoli e le forze del generale della Cirenaica sembrano nuovamente sul punto di dare la parola alle armi, o almeno è quanto succederà se non verrà in fretta stabilito che cosa stesse realmente facendo la fregata Tcg Gaziantep, bandiera turca, avvistata al largo della Libia e, per il momento, oggetto misterioso ma possibile fautore di conseguenze drammatiche. La Turchia giura che quella nave si trovava lì per soccorrere migranti, mentre le forze vicine ad Haftar sostengono non solo che la Gaziantep non stesse svolgendo missioni umanitarie ma che, al contrario, il suo scopo era trasportare uomini e mezzi a Tripoli per incrementare le fila di Serraj contravvenendo a uno dei principi base dell'Accordo di Berlino.


La versione turca

Un giallo, quello della nave turca, che rischia davvero di far saltare il banco e, in modo specifico, la faticosa quanto fragile tregua ottenuta a Berlino. Alcune versioni, infatti, sostengono che la nave abbia scortato un mercantile carico con decine di mezzi militari destinati agli schieramenti del governo di accordo nazionale. Il che, di fatto, costituirebbe non solo un pretesto per abbandonare il cessate il fuoco ma anche una clamorosa retromarcia da parte di Erdogan, impegnatosi a non spedire più soldati, mercenari o mezzi di guerra in Libia. Il Ministero della Difesa turco continua a ribadire che la Tcg Gaziantep "nelle scorse ore ha soccorso 30 migranti a bordo di un gommone in difficoltà nell’ambito dell’operazione Sea Guardian della Nato, consegnandoli poi al comando della Guardia costiera di Tripoli dopo aver fornito assistenza e supporto medico”.


Situazione a rischio

Dichiarazioni che hanno incontrato il dissenso delle ong, contrarie a rimpatriare migranti in un contesto considerato a forte rischio come la Libia. Del resto, anche su questa versione continuano a sussistere dubbi in quanto non riconosciuta dall'Alleanza atlantica. Incertezza che per il presidente francese, Emmanuel Macron, non sembra sussistere, dicendosi convinto che "navi turche hanno fatto sbarcare mercenari siriani sul suolo libico, il presidente turco non mantiene la parola data". Anche il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, ha chiesto spiegazioni al pari ruolo Mevlut Cavusoglu, ribadendo che "il continuo flusso di armamenti verso entrambe le parti del conflitto e il blocco della produzione petrolifera minano ulteriormente le prospettive di una soluzione pacifica alla crisi in Libia". Due variabili estremamente rischiose, di sicuro più forti della precaria firma ottenuta a Berlino.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
GIGANTI DELLA RETE

Web tax contro l'impunità fiscale

All’editoria mancano 3 miliardi. Da un convegno in Senato l'appello per portare la tassazione dei colossi di Internet...
GIORDANIA

Tragico incidente a Petra, muore turista italiano

La vittima, Alessandro Ghisoni, è stato ucciso dalla caduta accidentale di massi
Un migrante bengalese che vende selfie stick - Foto © Diego Cuopolo per IRIN
PALERMO

Violenza su bengalesi, arrestata banda di giovani

Aggressione con mazze da baseball. Ipotesi di raid punitivo a scopo razziale
SICUREZZA

Bonus seggiolini: via a contributo statale, ma il sito va in tilt

Il contributo statale dovrà essere speso entro un mese
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, 38enne ricoverato grave a Lodi. Contagiati altri due

A fini cautelativi è stato chiuso il Pronto Soccorso di Codogno. L'assessore Gallera: "Lieve miglioramento, ma in...
BELPAESE

Istat: Italiani più soddisfatti al Nord

Aumenta la soddisfazione generale degli Italiani. Più contenti i giovanissimi
La nave Diamond Princess attraccata al porto di Yokohama - Foto © Kim Kyung-Hoon per Reuters
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, il rientro degli italiani slitta a domani

Negativi i primi test effettuati sulla nave. Migliorano le condizioni dei coniugi allo Spallanzani
GRAN BRETAGNA

Londra, muezzin accoltellato in una moschea: fermato l'aggressore

L'aggressione all'interno della moschea di Regent's Park
CATANIA

Caso Gregoretti: chiesta udienza preliminare per Salvini

L'atto è stato depositato dalla Procura di Catania alla presidenza del Gip
SFRUTTAMENTO LAVORATIVO

Approvato il primo piano nazionale contro il caporalato

Dieci le azioni prioritarie del piano, tra cui anche assistenza, protezione e reinserimento socio-lavorativo delle vittime
In primo piano, la cosiddetta
ITALIA

Scampia, inizia la demolizione della Vela: "Non siamo solo Gomorra"

Il plauso del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: "Una nuova periferia è possibile"
UDIENZA PONTIFICIA

"Etica ecologica contro l'egolatria"

Papa Francesco traccia le prospettive dell'educazione cattolica nel terzo millennio globalizzato
Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi
POLITICA

Il piano di Renzi per l'Italia. Presto l'incontro con Conte

Il leader di Iv pensa a come rilanciare il Paese. Timore per una destabilizzazione del governo
Panetto di cocaina
OPERAZIONE ANTIDROGA

Roma: sequestrata cocaina per un valore di 35mila euro

Cinque arresti, il commento del capitano Passaquieti della Compagnia di Frascati
Il bacio dell'uomo disabile a Papa Francesco - Foto © Andrew Medichini per AP
GESTI DI MISERICORDIA

Quel bacio al Papa che ha commosso il mondo

Ieri in udienza il Pontefice ha ricevuto un "regalo" inaspettato
MEDIO ORIENTE

In soccorso del Libano sull'orlo della bancarotta

Beirut chiede aiuto al Fondo Monetario internazionale. La drammatica situazione economica e finanziaria del Paese con più...