VENERDÌ 15 FEBBRAIO 2019, 18:08, IN TERRIS


STATI UNITI

Muro anti-migranti: la mossa di Trump

Il presidente: "Dichiarerò l'emergenza nazionale". Lo Stato di New York annuncia il ricorso

FRANCESCO VOLPI
Donald Trump
Donald Trump
D

onald Trump rompe gli indugi e annuncia che firmerà la dichiarazione di emergenza nazionale per poter costruire il muro anti-migranti al confine con il Messico.


Emergenza nazionale

In una lunga arringa dal Giardino delle Rosse della Casa Bianca, il presidente Usa ha difeso il suo progetto, sostenendo che "tutti sanno che il muro serve per fermare il crimine e l'invasione dei trafficanti". Le barriere fisiche, ha aggiunto, "funzionano al 100 per cento, la stragrande maggioranza delle droghe non passa attraverso i porti di ingresso legali". "Dire che i muri non funzionano è una grande bugia", ha aggiunto, ricordando quello costruito da Israele.


"Necessario"

Trump ha poi spiegato di "non voler costruire il muro perché è una promessa da campagna elettorale, anche se lo è", ma per via del flusso di droghe che passa attraverso il confine. Le dichiarazioni di emergenza nazionale sono state "firmate molte volte dai passati presidenti", è andato avanti Trump, ma molti credono che in questo caso non sia necessaria e che probabilmente verrà ostacolata dal Congresso. "E' molto semplice: vogliamo impedire che la droga entri nel nostro Paese, vogliamo impedire a gang e criminali di entrare nel nostro Paese", ha ribadito. 


Pena capitale

Parlando dell'emergenza al confine con il Messico, Trump ha spiegato che in Cina, gli spacciatori di droga vengono puniti con "una cosa chiamata pena di morte", quindi, ha avvertito, "se vogliamo diventare intelligenti, possiamo diventare intelligenti. Possiamo fine al problema della droga molto più velocemente di quanto pensiamo".


Querelle legale

Trump non è apparso spaventato dalla possibilità che la dichiarazione di emergenza nazionale possa scatenare una battaglia legale. Se necessario, ha chiarito, è disposto ad arrivare sino alla Corte suprema, dove è certo di vincere. Puntuale è, infatti, arrivato il primo ricorso. Ne è autore lo Stato di New York. "Dichiarare un'emergenza nazionale senza causa legittima può provocare una crisi costituzionale - ha detto il ministro della Giustizia dello Stato, Letitia James -. Non appoggeremo questo abuso di potere e lo combatteremo con ogni mezzo legale a nostra disposizione". 

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Migranti
LIBIA

Msf: "Emergenza malnutrizione nei centri per migranti"

Un pasto ogni 2-3 giorni: "La Libia non è un porto sicuro"
Lavorazione industriale del cuoio
LOCRI

Scoperta evasione fiscale da 10 mln di euro

Denunciati i legali rappresentanti di due società operanti nella concia del cuoio
Spaccio di droga
NAPOLI

Traffico di droga ed estorsioni, 11 arresti

I destinatari dei provvedimenti sono residenti tra Frattamaggiore e Frattaminore
Il bus incendiato a San Donato
L'ATTACCO

Bus incendiato: studenti ancora sotto choc

Buona parte degli alunni coinvolti non tornerà a scuola oggi. Sy sotto stretta sorveglianza
Auto di lusso
PORDENONE

Maxi truffa su auto di lusso: 835 persone raggirate

Decine di indagati. Eseguiti anche ingenti sequestri di immobili e valori in tutt'Italia
Tribunale

Chi ha buone orecchie intenda

La vicenda triste del capogruppo dei M5stelle al Comune di Roma insegna a tutti, ancora una volta, che non basta...