GIOVEDÌ 29 GIUGNO 2017, 16:30, IN TERRIS

Mosul: le truppe governative strappano all'Isis le rovine della moschea di Al Nuri

Conquistato il luogo simbolo del sedicente Stato Islamico. Centinaia di jihadisti ancora asserragliati nella città vecchia

FRANCESCO VOLPI
Mosul: le truppe governative strappano all'Isis le rovine della moschea di Al Nuri
Mosul: le truppe governative strappano all'Isis le rovine della moschea di Al Nuri
Le forze lealiste hanno occupato le rovine della storica moschea Al Nuri, distrutta alcuni giorni fa, da dove nel luglio del 2014 Abu Bakr al Baghdadi proclamò la rinascita del Califfato. Lo ha riferito il comandante dell'offensiva governativa irachena per riconquistare Mosul.

Le forze anti-terrorismo "hanno preso il controllo della storica moschea di Al Nuri, del minareto di Hadba e dell'area commerciale di Serchkhana nella Città vecchia di Mosul", ha detto il generale Abdul Amir Yarallah. La scorsa settimana la moschea è stata distrutta, e secondo il governo di Baghdad è stato l'Isis a farla saltare in aria, decapitando anche il minareto pendente di Hadba ("il gobbo"), simbolo della città.

L'autoproclamato Stato islamico, che normalmente rivendica atti di devastazione di questo tipo, ha negato ogni responsabilità affermando che moschea e minareto sono stati distrutti in un bombardamento della Coalizione internazionale a guida Usa. Ma la stessa alleanza ha smentito. Le forze governative irachene stanno avanzando faticosamente edificio dopo edificio nella Città vecchia di Mosul, dove sono ancora trincerati alcune centinaia di jihadisti.

Le forze governative irachene hanno respinto nelle ultime ore un tentativo di controffensiva dei jihadisti dell'Isis ancora trincerati nella città vecchia, secondo quanto riferisce la cellula militare per l'informazione. Usando diversi attentatori suicidi, i miliziani del Daesh hanno cercato di aprirsi la strada e riprendere i quartieri di Al Tanak, Ragem Hadid e Yarmouk, recentemente conquistati dall'esercito di Baghdad. Ma sono stati respinti dalle forze di terra grazie anche al sostegno aereo degli elicotteri. Si calcola che alcune centinaia di jihadisti stiano ancora resistendo in un'area non più grande di 2,5 chilometri quadrati, dove sarebbero ancora intrappolati 50.000 civili.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un astronauta nello spazio
MISSIONI SPAZIALI

Febbre tra le stelle, ma è una reazione normale

La temperatura corporea si sviluppa gradualmente dopo circa 2,5 mesi dall'inizio della permanenza in orbita
Militari turchi
SIRIA

Erdogan: "Sì all'attacco nell'enclave curda di Afrin"

Ankara: "L'operazione è legittima autodifesa"
La ricerca del lavoro
LAVORO

L'ufficio di collocamento? Meglio gli amici

Indagine Eurostat sul mondo dell'occupazione
Il premier Paolo Gentiloni
PARTITO DEMOCRATICO

Gentiloni: "Mi candido nel Collegio Roma 1 alla Camera"

Sì all'accordo con la lista Più Europa di Emma Bonino
Papa Francesco celebra la Santa Messa a Trujillo Photo © Twitter
PAPA IN PERÙ

"In mezzo al dolore Dio ci offre la sua mano"

Testo completo dell'omelia pronunciata sulla spianata costiera di Huanchaco, a Trujillo
Carabinieri a un posto di blocco
SIRACUSA

Minorenne incinta faceva da corriere della droga

I provvedimenti cautelari hanno riguardato dieci persone