DOMENICA 06 NOVEMBRE 2016, 000:40, IN TERRIS

Iraq: Isis incendia 19 pozzi di petrolio a sud di Mosul

Riconquistata nelle scorse ore anche Hammam Alil, ultimo bastione dei jihadisti a sud di Mosul

REDAZIONE
Iraq: Isis incendia 19 pozzi di petrolio a sud di Mosul
Iraq: Isis incendia 19 pozzi di petrolio a sud di Mosul
Mentre l'esercito iracheno avanza lentamente per la completa liberazione di Mosul, ripulendo dalle mine i sei quartieri orientali in cui lo Stato Islamico sembra aver smesso di combattere, dal resto della città trapelano notizie allarmanti. Secondo fonti delle Nazioni Unite, durante il ritiro i militanti del Califfato avrebbero massacrato almeno duecento civili. E nelle zone lontane dal contrattacco del governo di Baghdad, i militanti jihadisti starebbero arruolando i bambini dai nove anni in su per impiegarli nell'ultima, disperata difesa della città rastrellando porta a porta e minacciando punizioni esemplari per chiunque disobbedisca all'ordine.

Riconquistata nelle scorse ore anche Hammam Alil, ultimo bastione dei jihadisti a sud di Mosul (da cui dista circa 25 chilometri), la località tristemente nota perché fungeva da "magazzino": lì i jihadisti avevano ammassato migliaia di civili pronti per essere utilizzarli come scudi umani. La riconquista di Hammam Alil è fondamentale per i lealisti perché permetterà loro di procedere fino all'aeroporto internazionale di Mosul, 16 chilometri più a nord, nonostante i miliziani abbiano eretto un sistema di barricate e trincee pur di bloccare loro le vie di accesso all'aeroporto.

Intanto, migliaia di famiglie irachene vivono un "inferno pieno di fumo" - come descritto dall'associazione umanitaria Oxfam - a causa di numerosi incendi appiccati ai pozzi di petrolio durante la frenetica ritirata dei miliziani dal sud di Mosul. "Il fumo oscura il sole e rende grigie le facce dei bambini", scrive Oxfam in un comunicato. Davanti all'avanzata militare del governo, i jihadisti hanno appiccato il fuoco a 19 pozzi di petrolio per poi ritirarsi dalla regione di Qayyara e ripiegare più a nord. Sotto il loro controllo, intorno a Mosul, ci sono ancora molti pozzi petroliferi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"