DOMENICA 02 AGOSTO 2015, 002:00, IN TERRIS

MOSUL, 4 STUDENTI DI GIORNALISMO ARRESTATI DAI MILIZIANI DELL'ISIS

I giovani sono accusati di aver fornito informazioni sul Califfato alle autorità di Baghdad

REDAZIONE
MOSUL, 4 STUDENTI DI GIORNALISMO ARRESTATI DAI MILIZIANI DELL'ISIS
MOSUL, 4 STUDENTI DI GIORNALISMO ARRESTATI DAI MILIZIANI DELL'ISIS
Quattro studenti iracheni di giornalismo sono stati arrestati per spionaggio dai jihadisti dell'Isis a Mosul: lo ha denunciato l'Osservatorio sulle Libertà Giornalistiche, un ente di privato di controllo, citando fonti accademiche locali. I giovani sono accusati di aver fornito informazioni segrete sull'Isis alle autorità di Baghdad e a vari mass media. Sono stati presi in consegna dai miliziani all'Università, sono stati portati via e condotti in una località ignota. In giugno un cronista professionista era stato catturato, incriminato per addebiti analoghi e infine giustiziato dopo un mese e mezzo di prigionia. Nella provincia di Niniveh, di cui Mosul è il capoluogo, sarebbero almeno otto i giornalisti professionisti in carcere.

Inoltre, nella giornata di ieri, oltre venti jihadisti appartenenti all'Isis sono stati uccisi, e altri quindici feriti, a seguito di più attacchi aerei condotti dalla coalizione internazionale a sud della città di Mosul, in Iraq. Lo riportano e Efe funzionari locali. Il responsabile della sicurezza della Unione patriottica del Kurdistan iracheno (Upk), Hoakr al Yaf, ha detto che i bombardamenti sono stati lanciati contro varie posizioni dell'Isis nelle aree di Fatuma e Jarbani, nel distretto di Majmur, fra Mosul e Erbil, la capitale della regione autonoma del Kurdistan iracheno. Gli attacchi della coalizione internazionale, guidata dagli Stati Uniti, hanno distrutto anche quattro veicoli dell'Isis.

Il capo della sicurezza del governatorato della provincia di Ninive, Mohamed al Bayati, ha riferito a Efe che 22 cadaveri di Jihadisti sono stati portati oggi nel dipartimento di medicina forense del più grande ospedale della città. Gli estremisti sono stati uccisi durante i combattimenti con le truppe peshmerga nella città di Al Hauiya, nella zona di Kirkuk a 250 chilometri a nord di Bagdad. Il dipartimento di medicina legale di Mosul ha ricevuto nelle ultime settimane centinaia di corpi di jihadisti morti in scontri con le truppe curde e con le forze di sicurezza irachene nelle zone di Biyi, a nord di Bagdad, e a Kirkuk, capitale della provincia occidentale di Al Anbar.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano