GIOVEDÌ 30 APRILE 2015, 008:00, IN TERRIS

MOODY'S DECLASSA ANCORA LA GRECIA, DEFAULT PIU' VICINO

Intanto Germania e Bce discutono ogni scenario e preparano dei "piani B"

CLAUDIA GENNARI
MOODY'S DECLASSA ANCORA LA GRECIA, DEFAULT PIU' VICINO
MOODY'S DECLASSA ANCORA LA GRECIA, DEFAULT PIU' VICINO
Cattive notizie arrivano dalla Grecia: l’agenzia Moody’s taglia il rating della Grecia da “Caa1” a “Caa2”. Questo significa che la probabilità di un default greco continua ad aumentare con il passare delle settimane e in mancanza di un accordo con i creditori: infatti il rating Caa2 è associato con una probabilità su quattro di default in due anni. Questo perché, come afferma Moody’s “il governo greco e i creditori restano distanti” da un’intesa che non appare a portata di mano. Inoltre, “c’è un’elevata incertezza sul fatto che venga raggiunto un accordo in tempo per onorare i pagamenti”, dice l’agenzia, sottolineando che “il risultato finale sarà legato a decisioni politiche a livello europeo”. Ritiene che ci siano significativi rischi di attuazione anche se un accordo venisse raggiunto, dato l’indebolimento dell’economia e il fragile contesto politico internazionale.

Mentre da Atene trapelano notizie sull'accelerazione impressa dal governo alla formulazione del piano di riforme, tra Berlino e Francoforte si intensificano i ragionamenti, non così nascosti, sui “piani B”. Una delle ipotesi è un default senza uscita dall’auro, con una sorta di mini assegni ad uso interno, combinato con “piano umanitario”, un programma di emergenza della Ue che scongiurerebbe il collasso delle banche e garantirebbe aiuti per la popolazione. Ma questo significherebbe un cambio di governo, o addirittura, un governo tecnico.

Le incognite politiche sono molte, prima tra tutte la decisione di Tsipras, che potrebbe preferire tornare alla dracma piuttosto che farsi commissariare. Già dall’ultimo eurogruppo, comunque, molti ministri delle finanze hanno chiesto che si discutessero dei “piani B”, e sembra diventare una possibilità reale il Grexit. In particolare Jens Weidemann, presidente della Bundesbank, ha dichiarato che “se uno Stato membro dell’unione monetaria decide di non rispettare i proprio impegni e smette di pagare i creditori, un default disordinato è inevitabile”. Intanto si avvicina a grandi passi la scadenza temuta dell’eurozona del 12 maggio, giorno in cui Atene dovrà rimborsare il Fmi, e nelle mani dei governi europei non è ancora arrivata una proposta.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs