LUNEDÌ 26 OTTOBRE 2015, 12:22, IN TERRIS

MIGRANTI, SENZA REGISTRAZIONE NESSUN DIRITTO

Il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker è riuscito a strappare in extremis un accordo in 17 punti operativo da subito

MATTIA SHERIDAN
MIGRANTI, SENZA REGISTRAZIONE NESSUN DIRITTO
MIGRANTI, SENZA REGISTRAZIONE NESSUN DIRITTO
Senza registrazione, nessun diritto. E' il principio cardine attorno al quale si gioca la partita dell'accoglienza. Il minivertice sulla Rotta balcanica ha stabilito che l'Europa non può e non deve fare finta di nulla rispetto all'emergenza mondiale, che altresì è necessario fare di più. ma non può rischiare di implodere aprendo incondizionatamente a tutti senza avere la possibiità di assisterli e rischiando così di depauperare le risorse per gli equilibri interni; né può permettersi un mancato controllo che potrebbe rivelarsi mortale - letteralmente parlando - visto il fonte aperto con i jihadisti.

Dopo un avvio teso delle discussioni con Croazia, Slovenia, Ungheria e Bulgaria e un forte pessimismo a metà del minivertice sulla capacità di arrivare a un risultato, il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker è riuscito a strappare in extremis un accordo in 17 punti operativo da subito. "Ora bisogna mettere in pratica questi impegni", perché "in Europa i problemi degli uni sono i problemi degli altri", ha ammonito Juncker, sollevato che alla fine "lo spirito europeo" sia prevalso. Perché, ha tuonato, è "inaccettabile che nel 2015 le gente sia lasciata dormire nei campi e attraversare fiumi con l'acqua sino al petto in temperature glaciali".

I punti operativi del piano prevedono innanzitutto l'assistenza per i migranti: riparo, acqua, cibo, assistenza sanitaria. Gli Stati avranno il sostegno dell'Unhcr e se necessario del meccanismo europeo di protezione civile. Poi la gestione dei flussi: per prima cosa, da domani i Paesi dovranno scambiarsi quotidianamente le informazioni su chi entra ed esce, mentre saranno creati 100mila nuovi posti di accoglienza sempre con il sostegno Ue e Onu, mentre interverranno poi anche Bei e Berd. "Il ricollocamento dei rifugiati in tutti gli stati membri è un dovere, ma perché questo sia possibile infrastrutture di accoglienza devono essere messe in piedi dove ci sono gli hotspot", ha affermato l'Alto commissario Onu ai rifugiati Antonio Guterres. Nessun Paese potrà quindi più scaricare in massa i migranti alle frontiere dei vicini senza prima il loro accordo, mentre questi dovranno essere registrati. "Senza registrazione, nessun diritto", ha messo in chiaro Juncker. Poi il rimpatrio di chi non ha diritto alla protezione internazionale.

E infine un maggior controllo delle frontiere esterne: Frontex verrà rafforzato nella missione Poseidon nell'Egeo, al confine tra Turchia e Bulgaria, a quello tra Grecia, Albania e Macedonia per la registrazione dei migranti e così anche tra Croazia e Serbia, mentre la Slovenia entro una settimana dispiegherà, tramite cooperazione bilaterale, 400 agenti di polizia. Ogni settimana la Commissione monitorerà l'applicazione delle misure. "Oggi abbiamo fatto la posa della prima pietra dell'edificio, ora dobbiamo fare ulteriori passi in avanti", ha detto soddisfatta la cancelliera Angela Merkel al termine del summit sui Balcani, convocato da Juncker su sua spinta. "Certo è solo un contributo e non la soluzione del problema migratorio" ma almeno garantisce che i rifugiati abbiano "condizioni umane".

La Slovenia aveva avvertito all'inizio della riunione che senza un'intesa sarebbe stato "l'inizio della fine dell'Unione europea". Tutti i Paesi si erano accusati tra di loro: prima lo 'showdown' del premier ungherese Viktor Orban, che aveva chiesto di seguire il "buon esempio" di Budapest e chiudere i confini, poi lo scambio di accuse tra Croazia e Slovenia, in una guerra di cifre record di arrivi con 11.500 in un giorno nella prima e di oltre 66mila in una settimana nella seconda. E mentre tutti avevano puntato il dito sulla Grecia, questa a sua volta aveva scaricato il barile su Turchia e Commissione, quest'ultima colpevole di non avere invitato Ankara alla riunione. In mare intanto si continua a morire. Una donna e due bambini di 2 e 7 anni sono annegati nelle acque davanti all'isola di Lesbo dopo il naufragio del barcone che li trasportava: altri 7 migranti risultano dispersi. Mentre ieri sera i cadaveri di 40 migranti sono stati ritrovati sulle coste libiche. Anche qui, almeno altri 30 profughi che si trovavano sul barcone affondato risultano dispersi.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Michele Gesualdi
FIRENZE

E' morto Michele Gesualdi, l'allievo di don Milani

Ex presidente della Provincia di Firenze, è stato un sostenitore della legge sul biotestamento. Aveva 74 anni
MILANO | INCIDENTE SUL LAVORO

Morto anche il quarto operaio intossicato

L'uomo, operaio della "Lamina", era ricoverato presso il "San Raffaele". Nella tragedia morto anche suo...
I danni causati dalla tempesta Friederike
MALTEMPO IN NORD EUROPA

Otto vittime
tra Olanda, Belgio
e Germania

Centinaia di migliaia di persone, dal Regno Unito alla Romania, sono senza elettricità
INFLUENZA

Mai così tanti casi dal 2004. A letto 4 milioni di italiani

La fascia di età più colpita dal virus influenzale è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni
Luca Lecci
INFORTUNI SUL LAVORO

Diciannovenne stritolato dal tornio

L'incidente sotto gli occhi del padre. "Lamina": morte cerebrale per il quarto operaio
Scontri a Jenin
CISGIORDANIA

Scontri a Jenin: ucciso palestinese, feriti 2 israeliani

Hamas: "E' morto un martire delle Brigate Ezzedin al-Qassam"
INPS

Nel 2017 cassa integrazione in calo del 39,3%

A novembre 209.325 domande di disoccupazione
Il sarcofago di Larthia Seianti. Firenze, Museo Archeologico Nazionale
FIRENZE

Gli Uffizi sosterranno il Museo Archeologico

La Galleria cederà il 2,5% degli incassi annui dei biglietti
L'operazione China Truck della Polizia di Stato
MAFIA

Sgominata banda che controllava il Made in China in Europa

Vasta operazione della Polizia di Stato in diverse province italiane. 33 arrestati
Il premier Paolo Gentiloni
PAOLO GENTILONI

"Non è tempo di scardinare i pilastri del sistema su fisco e pensioni"

Lo ha detto il premier intervenendo all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
HOTEL RIGOPIANO

Mattarella: "Profonda ferita per il Paese intero"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione dell'anniversario della tragedia di Farindola
 Act-Clj0102-4915
TELESCOPIO HUBBLE

Ecco El Gordo: l'ammasso più grande dell'universo

Un gigante da 3 milioni di miliardi di masse solari