MERCOLEDÌ 24 GIUGNO 2015, 19:15, IN TERRIS

MIGRANTI, L'UNGHERIA FA DIETROFRONT: NESSUNA SOSPENSIONE DELLE NORME EUROPEE

Dopo le pressioni di Austria e Unione europea il governo nazionalconservatore di Budapest torna sui suoi passi

AUTORE OSPITE
MIGRANTI, L'UNGHERIA FA DIETROFRONT: NESSUNA SOSPENSIONE DELLE NORME EUROPEE
MIGRANTI, L'UNGHERIA FA DIETROFRONT: NESSUNA SOSPENSIONE DELLE NORME EUROPEE
Sembra che l’Ungheria abbia recepito le pressioni dell’Ue e dell’Austria: fa infatti retromarcia sulla decisione di sospendere gli accordi di Dublino III sui richiedenti asilo. Il ministro degli Esteri, Peter Szijjarto, ha discusso della questione con il suo omologo austriaco, Sebastian Kurz e lo ha informato che “l’Ungheria non ha sospeso nessuna norma dell’Unione europea”, almeno per ora. Il Paese, però, solo ieri aveva annunciato la sospensione unilaterale della normativa che regola le richieste di asilo nell’Unione europea, invocando la “protezione degli interessi ungheresi”. La normativa, sospesa a titolo provvisorio da Budapest, dispone che le richieste di asilo debbano essere esaminate nel Paese europeo dove per primo arriva il migrante. In base alla norma, se il richiedente di asilo lascia il Paese di arrivo, deve esservi riportato. Concretamente la sospensione del trattato avrebbe permesso di rifiutare che siano riportate in Ungheria persone provenienti dal Paese e arrestate altrove, ad esempio in Austria o Germania.

Ma oggi il governo austriaco ha bollato la sospensione come “inaccettabile”, e aveva minacciato Budapest di “conseguenze”. Poi aveva convocato l’ambasciatore ungherese per chiedere spiegazioni ufficiali. Vienna aveva anche chiesto alla Commissione Ue di verificare se l’annunciata decisione ungherese di ieri avesse potuto costituire una violazione dei Trattati europei. Comunque, il governo nazionalconservatore di Budapest, la settimana scorsa aveva deciso di blindare con un muro alto 4 metri e lungo 175 chilometri la frontiera con la Serbia, per arginare l’ondata di ingressi illegali.

E proprio su questo punto sale la tensione. Decisa è stata la condanna dell’Ue alle misure unilaterali contro l’immigrazione, come la sospensione del Regolamento di Dublino sui richiedenti asilo, o, ancora più grave, l’innalzamento del muro. “Non portano risultati e rischiano di essere controproducenti”, ha detto un alto funzionario europeo alla vigilia del vertice Ue dei capi di Stato e di governo che domani pomeriggio affronterà il tema della gestione dei flussi migratori.

 

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano