MERCOLEDÌ 17 FEBBRAIO 2016, 001:00, IN TERRIS

MIGRANTI, L'AUSTRIA ANNUNCIA I CONTROLLI AI VALICHI CON L'ITALIA

Di nuclei speciali saranno schierati ai passi sul confine e controlleranno il traffico dei veicoli, dei treni e delle persone

AUTORE OSPITE
MIGRANTI, L'AUSTRIA ANNUNCIA I CONTROLLI AI VALICHI CON L'ITALIA
MIGRANTI, L'AUSTRIA ANNUNCIA I CONTROLLI AI VALICHI CON L'ITALIA
Per limitare l'ingresso di profughi Vienna ha deciso di schierare dei nuclei speciali che avranno il compito di presidiare i valichi meridionali, soprattutto quelli al confine con l'Italia. Saranno 12 i passi che saranno controllati, tra cui Tarvisio, Brennero e Resia. Attualmente le misure previste dall'Austria sono in fase di pianificazione e, come dichiarato dal ministro degli esteri Johanna mikl Leither, i tempi dipenderanno dall'evolversi delle rotte seguite dai migranti. Una "cooperazione estremamente intensiva" viene auspicata dal ministro per quanto concerne i controlli al valico del Brennero, "a causa della particolare situazione storica di questa località". Mikl Leitner non esclude "se necessario" anche l'eventuale utilizzo "di recinzioni".

"Il confine del Brennero ha una storia che lo rende particolare, e tutte le misure che lo riguardano devono essere prese non solo con una certa sensibilità, ma soprattutto in stretta collaborazione con Tirolo, Alto Adige e Trentino". Lo ha detto il Presidente austriaco Heinz Fischer. Nel corso di un incontro con i governatori dell'Alto Adige Arno Kompatscher, del Trentino Ugo Rossi e della regione austriaca del Tirolo Günther Platter, Fischer ha sottolineato poi che la volontà di Vienna è quella di continuare a garantire la libera di circolazione di persone e merci all'interno dei confini europei.

L'intervento di controllo dell'Austria prevede diversi ordini di azione. L'attenzione sarà rivolta al traffico dei veicoli, dei treni e delle persone. Controlli saranno svolti anche nelle zone a ridosso della frontiera. Degli appositi nuclei di intervento saranno impiegati, se del caso, per impedire l'intrusione di gruppi di persone che dovessero fare uso della forza. Il ministro degli interni austriaco Johanna Mikl Leitner ha chiesto "comprensione per le decisioni di Vienna, resesi necessarie in conseguenza del fatto che l'Europa non riesce a mettere in sicurezza i confini esterni della Ue". Lo ha riferito il governatore altoatesino Arno Kompatscher, a Vienna assieme al suo omologo trentino Ugo Rossi ed al Capitano della regione austriaca del Triolo Günter Platter.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau