SABATO 18 APRILE 2015, 12:13, IN TERRIS

MESSICO: GUERRA AI NARCOS, SPARATORIA AL CONFINE COL TEXAS

La guerriglia urbana si è scatenata ieri pomeriggio a Reynosa. Tre i morti, tutti del Cartello del Golfo, e 2 gli agenti feriti

MILENA CASTIGLI
MESSICO: GUERRA AI NARCOS, SPARATORIA AL CONFINE COL TEXAS
MESSICO: GUERRA AI NARCOS, SPARATORIA AL CONFINE COL TEXAS
La guerra ai cartelli della droga hanno fatto di Reynosa, località messicana situata al confine col Messico, una città blindata. Ieri pomeriggio la polizia ha sferrato un nuovo attacco contro gli esponenti del cartello narcos locale. Per ore gli abitanti sono rimasti chiusi in casa mentre nelle strade venivano erette barricate con auto incendiate e volavano proiettili come nei film western.

Un'autentica battaglia innescata - secondo la Bbc - dal tentativo di arresto del boss locale Jose Tiburcio Hernandez Fuentes, soprannominato El Gafe. Jose è stato assurto recentemente a capo del cartello del Golfo, dopo l'uccisione e gli arresti dei suoi predecessori avvenuti nei mesi scorsi. Al momento, il bilancio è di almeno 3 morti - secondo la polizia si tratterebbe di killer del Cartello del Golfo - e di 2 feriti tra le forze dell’ordine. Il quotidiano locale El Manana ha riportato che le autorità americane hanno sigillato il confine. Reynosa infatti, che conta circa 600 mila abitanti, forma di fatto un unico agglomerato urbano di 2 milioni di persone con la texana McAllen.

La guerriglia tra Governo messicano e cartelli narcos va avanti da decenni. Lo stesso presidente della Commissione Nazionale per i Diritti Umani, Luis Raul Gonzalez Perez, quando il 2 febbraio scorso si è presentato davanti all’Onu, ha dovuto ammettere che il Paese non può dire con certezza quante siano le persone morte e scomparse durante la “Guerra al Narcotraffico” e nemmeno per colpa di chi. Le stesse autorità hanno pubblicamente dichiarato di aver smesso di contare le vittime. “La divulgazione di tali informazioni – hanno dichiarato i portavoce governativi - sarebbe più dannosa di qualsiasi interesse questa possa creare” e “il numero di fosse comuni (e di cadaveri in esse contenuti) è così grande che per calcolarlo ci sarebbe bisogno di generare un’interruzione sostanziale e irrazionale nelle attività dell’area designata a produrre l’informazione”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Theresa May
BREXIT

May, schiaffo dai Comuni: il Parlamento avrà il veto

Governo sconfitto sull'emendamento chiave: l'accordo con Bruxelles passerà dall'approvazione parlamentare
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo