MERCOLEDÌ 13 MARZO 2019, 04:00, IN TERRIS


VENEZUELA

Maduro: "Il blackout? Cyberattacco americano"

Per il presidente venezuelano non ci sono dubbi: "Ho prove certe". E crea una Commissione d'inchiesta

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Una città venezuelana al buio
Una città venezuelana al buio
T

orna a parlare Nicolas Maduro, mentre in Venezuela prosegue il clima di incertezza politica seguito all'autoproclamazione del leader d'opposizione Juan Guaidò. Il presidente venezuelano, infatti, è tornato sul blackout che, alcuni giorni fa, aveva fatto piombare nel buio il Paese e che dura ancora oggi, affermando di avere prove certe di come questo sia stato provocato da un tentativo di cyberattacco da parte degli Stati Uniti. E, parallelamente, Maduro annuncia la creazione di una Commissione d'inchiesta presieduta dalla sua vice, Delcy Rodriguez, e che sarà composta da diversi rappresentanti nei vari organi statali: "Sabotare il sistema elettrico per generare scontri civili e poi chiamare all'assalto del potere politico ha un solo nome, è terrorismo". Parole che il leader venezuelano ha pronunciato in un discorso trasmesso a reti unificate.


La Commissione d'inchiesta

Il leader ha fatto sapere che, a tal proposito, sarebbe in possesso di prove certe del coinvolgimento americano nel blackout che attanaglia il Paese ma, al momento, non è chiaro di quale natura siano le sue presunte informazioni né su quali basi andrebbero a poggiare. Secondo Maduro, tuttavia, si è trattato di un'offensiva informatica partita da città americane come Chicago e Houston e che compito della Commissione sarà, fra le altre cose, chiedere consiglio a chi già in passato sarebbe rimasto vittima di attacchi simili, dalla Russia alla Cina, passando per Cuba e Iran: "A cinque giorni dall'attacco elettrico partito dagli Usa in via cibernetica, possiamo dire che la vittoria è nelle nostre mani - ha detto -. Ora ci tocca consolidare la vittoria della guerra elettrica e fare che il nostro sia un sistema elettrico sicuro, robusto, permanente, invulnerabile". Dei ruoli specifici della Commissione non sono stati forniti dettagli, se non che si metterà "agli ordini della Procura" per riparare quello che, secondo Maduro, "è un grave danno al popolo venezuelano".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore