LUNEDÌ 11 MAGGIO 2015, 001:01, IN TERRIS

MACEDONIA, SCONTRI A FUOCO TRA "TERRORISTI" E FORZE DELL'ORDINE: 22 MORTI

A riferirlo è il governo macedone, e anche altri 37 agenti sono rimasti feriti

CLAUDIA GENNARI
MACEDONIA, SCONTRI A FUOCO TRA
MACEDONIA, SCONTRI A FUOCO TRA "TERRORISTI" E FORZE DELL'ORDINE: 22 MORTI
È di 22 morti (8 poliziotti e 14 «terroristi») il bilancio di una lunga operazione delle forze dell'ordine macedoni a Kumanovo, area di etnia albanese nel nord della Macedonia. Lo ha riferito il governo macedone nel corso di una conferenza stampa. Altri 37 agenti sono rimasti feriti negli scontri. La polizia ha dichiarato di aver trovato i corpi di 14 terroristi in uniforme, e di stare lavorando alla loro identificazione. Rinvenuto anche un grande arsenale.
Gli scontri a fuoco tra uomini armati e forze di sicurezza sono iniziati all'alba di ieri a Kumanovo (dove il 9 giugno 1999, veniva siglato l'accordo che concludeva la guerra del Kosovo), e secondo la ministra dell'interno macedone, Gordana Jankulovska, l'obiettivo di tale «gruppo terrorista» di circa settanta uomini, infiltratosi in Macedonia da un non meglio precisato «Paese vicino», sarebbe quello di utilizzare l'attuale instabile situazione politica in Macedonia per effettuare attacchi alle istituzioni del Paese. Nel paese è stato proclamato il lutto nazionale, mentre è stata annullata una gara ufficiale di maratona prevista per oggi nella capitale Skopje.

Gli incidenti arrivano a tre settimane dall'incursione di un gruppo armato di albanesi arrivati dal Kosovo, che hanno preso rapidamente il controllo di un commissariato alla frontiera Nord macedone, reclamando la creazione di uno Stato albanese sul territorio della Macedonia.

Candidata all'adesione all'Ue, da mesi la Macedonia è in preda a una grave crisi politica che oppone le principali formazioni slave: l'opposizione di sinistra accusa i conservatori al potere di corruzione e di aver messo sotto controllo i telefoni di 20mila persone, compresi quelli di uomini politici, giornalisti e capi religiosi.

Un'operazione militare su larga scala era già stata lanciata alla fine di aprile a seguito di un attacco ad un posto di polizia di confine, nella località di Gošince. L'attacco, secondo quanto riporta East Journal online, era stato attribuito dalle autorità a “paramilitari kosovari appartenenti all'Uçk”, formazione albanese-macedone che combatté una breve guerra nel 2001 e che era imparentata con il più noto Uçk kosovaro. Coincidenza, rilevata sempre da East Journal: a Kumanovo, il 9 giugno 1999, veniva siglato l'accordo che concludeva la guerra del Kosovo.

Da quattro giorni nel paese, e soprattutto a Skopje, sono in corso manifestazioni contro il governo guidato da Nikola Gruevski, leader del partito nazionalista VMRO, al centro di fortissime polemiche e accusato dall'opposizione di corruzione ma soprattutto di avere impresso una svolta poliziesca e autoritaria al proprio esecutivo.

Da mesi, secondo la stessa fonte, i media soffrono la censura governativa e i giornalisti indipendenti vengono minacciati di morte anche da esponenti del VMRO.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini