GIOVEDÌ 18 GIUGNO 2015, 16:15, IN TERRIS

L'UNIONE EUROPEA ATTACCA L'UNGHERIA: "NON SERVONO ALTRI MURI"

Il governo ha iniziato una barriera lunga 175 chilometri per blindare il confine con la Serbia

CLAUDIA GENNARI
L'UNIONE EUROPEA ATTACCA L'UNGHERIA:
L'UNIONE EUROPEA ATTACCA L'UNGHERIA: "NON SERVONO ALTRI MURI"
Non era possibile che ciò che è accaduto in Ungheria fosse rimasto senza conseguenze. Infatti l’Unione europea ha tuonato contro la barriera lunga 175 chilometri e alta 4 metri per blindare il confine con la Serbia da cui continuano a entrare centinaia di migliaia di clandestini. “In Europa sono stati recentemente abbattuti dei muri – ha affermato Natasha Bertaud, portavoce del commissario Ue per l’immigrazione, Dimitris Avramopoulos – non abbiamo bisogno di costruirne di nuovi”.

“Sta agli Stati membri scegliere le misure per rendere sicure le frontiere, rispettando le regole internazionali e il principio di non respingimento dei richiedenti asilo”, ha osservato ancora Bertaud, aggiungendo però che “ci sono modi migliori” di quello ungherese e specificando che la Ue “non incoraggia la costruzione di barriere” né le finanzia. “Guardiamo con attenzione a ciò che accade alle frontiere ungheresi”, ha sottolineato la portavoce. E se i numeri salissero, “non escludiamo la possibilità” che il meccanismo d’urgenza che si vuole avviare per Italia e Grecia, si possa applicare anche all’Ungheria.

La situazione nel mondo è drammatica ora, infatti nel primo trimestre 2015 l’Unione europea ha dovuto fare i conti con 185mila richieste di asilo. Rispetto allo scorso anno sono cresciute dell’86%. I kosovari sono la prima nazionalità, quasi 50mila (26%), in testa a siriani (16%) e afghani (7%). Il maggior numero di domande in Germania (73.100, 40%), Ungheria (32.800, 18%), Italia (15.200, 8%) e Francia (14.800, 8%). Seguono Svezia (11.400, 6%), Austria (9.700, 5%) e Gran Bretagna (7.300, 4%). Il minor numero di richieste sono state presentate in Croazia (40); Lettonia, Lituania e Slovenia (45); Estonia e Slovacchia (50). Secondo Eurostat, il numero di richieste d’asilo nel primo trimestre 2015 è stabile rispetto all’ultimo del 2014, tuttavia se ci sono stati incrementi in Germania (+32%), Ungheria (+17%) sono fortemente diminuite in Svezia (-41%) e Italia (-28%), e più moderatamente in Gran Bretagna (-10%), Austria (-8%) e Francia (-5%). Dinnanzi a questi numeri, però, Bruxelles continua a temporeggiare. E per questo il governo di Viktor Orbàn ha deciso di difendersi alzando un muro per arginare i clandestini che arrivano dalla Serbia.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...