MARTEDÌ 29 SETTEMBRE 2015, 10:20, IN TERRIS

L’ONU CONDANNA LE VIOLENZE DI MATRICE ETNICO-RELIGIOSA NEL CENTRAFRICA

Maxi evasione dal carcere di Bangui, oltre 500 detenuti si danno alla fuga

MILENA CASTIGLI
L’ONU CONDANNA LE VIOLENZE DI MATRICE ETNICO-RELIGIOSA NEL CENTRAFRICA
L’ONU CONDANNA LE VIOLENZE DI MATRICE ETNICO-RELIGIOSA NEL CENTRAFRICA
Il Consiglio di sicurezza Onu esprime profonda preoccupazione per la recrudescenza delle violenze interreligiose a Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana, e ne chiede l’immediata cessazione. I quindici dal Palazzo di Vetro condannano gli attacchi ai civili e chiedono che i responsabili siano chiamati davanti alla giustizia. L'appello è rivolto anche a tutte le milizie perché depongano le armi e pongano fine a ogni atto che destabilizzi la situazione. Sempre l’Onu, già nel 2014, avvertiva la comunità internazionale: “Sono presenti tutti gli elementi che abbiamo visto in altre situazioni, come nel Ruanda o in Bosnia, affinché si verifichi un genocidio. Non ci sono dubbi”.

Il presidente Michel Djotodia è accusato dalla comunità internazionale di passività di fronte alle violenze e i saccheggi delle ultime settimane, dei linciaggi e mutilazioni perpetrati, che insanguinano il suo Paese. Djotodia ha assunto il potere nel marzo del 2014 grazie alla ribellione Seleka, a maggioranza islamica e diretta dallo stesso Djotodia: da allora, il Paese è precipitato in una crisi umanitaria senza precedenti provocata da numerose violenze di matrice etnica e religiosa e che ha costretto migliaia di persone ad abbandonare le proprie abitazioni.

Approfittando dei disordini presenti nella capitale, circa 500 detenuti sono riusciti ad evadere dalla prigione “Ngaragba” di Bangui. La maxievasione è stata confermata dalle stesse fonti giudiziarie. Il bilancio degli ultimi giorni di scontri dovuti alle bande di miliziani armati che stanno saccheggiando le sedi delle organizzazioni umanitarie internazionali è di 42 morti confermando lo stato di semi anarchia in cui versa il Paese africano.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'incendio al Cameron House Hotel in Scozia
SCOZIA

Fiamme in un hotel di lusso: 2 morti

Le fiamme hanno distrutto una grande porzione della struttura turistica
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Altero Matteoli
POLITICA IN LUTTO

Morto l'ex ministro Matteoli

Fatale un incidente all'altezza di Capalbio. Cordoglio nel mondo delle istituzioni
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Il premier austriaco Sebastian Kurz
AUSTRIA

Il governo Kurz giura tra le proteste

L'esecutivo sostenuto dall'ultradestra dell'Fpoe entra in carica. Manifestazioni a Vienna
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
Un tunisino durante le proteste del 2011
PRIMAVERE ARABE

La Tunisia celebra la "rivoluzione dei gelsomini"

Sette anni fa scoppiava la rivolta che portò alla caduta di Ben Ali
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018