DOMENICA 17 SETTEMBRE 2017, 10:34, IN TERRIS

Londra: arrestato un secondo sospetto per l'attacco a Parsons Green

Un 21enne è stato fermato dalla polizia a Hounslow. In vigore il piano Temeperer, centinaia di militari presidiano le strade

DANIELE VICE
Londra: arrestato un secondo sospetto per l'attacco a Parsons Green
Londra: arrestato un secondo sospetto per l'attacco a Parsons Green
Una seconda persona, un giovane di 21 anni, è stato arrestato perché sospettato di essere fra gli autori dell'attentato nella stazione della metro londinese di Parsons Green. Lo ha annunciato Scotland Yard, precisando che l'arresto si è verificato nel sud della città, a Hounslow, poco prima della mezzanotte locale.

In precedenza a Dover è stato arrestato un 18enne, considerato il principale responsabile dell'attacco. Il giovane era stato già arrestato alcune settimane fa e poi rimesso in libertà. Lo racconta una vicina di casa al Daily Mail. Serena Barber, che conosce la coppia che ospitava il ragazzo da una vita, ha detto che "circa due settimane fa" il ragazzo "è stato arrestato dalla polizia a Parsons Green", spiegando di non conoscere i motivi dell'arresto. "Poi - ha aggiunto - è tornato a casa".

L'identità dei due resta coperta per ora dal riserbo. Tanto più che gli investigatori non escludono altri responsabili e che le indagini su quanto accaduto a Parsons Green non sono finite qui, come ha avvertito la ministra dell'Interno, Amber Rudd, al termine di una nuova riunione del comitato di emergenza Cobra. Confermando che lo stato di allerta nazionale, elevato ieri sera da "severo" a "critico", resta al livello più grave: quello che presuppone il timore concreto di altri attentati imminenti. A far eco alle sue parole, la notizia di un blitz della polizia in assetto anti-guerriglia in un edificio residenziale di Sunbury-on-Thames, nel Surrey, sgomberato in fretta e furia da tutti gli inquilini a scopo precauzionale per setacciare l'appartamento di una "rispettata" e anziana coppia locale (entrambi sugli 80) che per anni pare abbia dato ospitalità a figli di rifugiati.

Centinaia di militari presidiano, intanto, le strade del Regno Unito. E' l'effetto del cosiddetto piano Temperer, ripristinato a quattro mesi di distanza su ordine della premier Theresa May ed entrato in vigore a pieno regime, a dispetto della sostanziale normalità di vita della metropoli e del ritorno all'ordinaria amministrazione della stessa stazione coinvolta: già riaperta ai passeggeri e al traffico dei convogli della District Line. In parole povere si tratta del dispiegamento di unità di uomini e donne delle forze armate in funzione di pattugliamento, per alleggerire i reparti di polizia da queste incombenze e dirottare un migliaio di agenti sul fronte delle indagini
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Jessica Notaro
QUIRINALE

Mattarella conferisce 30 onorificenze al merito

Insignita anche Jessica Notaro e don Paolo Felice Giovanni Steffano
Daniel Hegarty
MOTOCICLISMO

Motociclista muore durante il Gp di Macao

Daniel Hegarty aveva 31 anni: è finito contro le barriere
Malcom Young sul palco
HARD ROCK

E' morto Malcolm Young fondatore degli Ac/Dc

Il fratello Angus: "Ci lascia un'eredità attraverso la quale vivrà per sempre"
Carabinieri del Ros in azione
MAFIA

Taormina: 12 arresti nel clan Brunetto

Sono ritenuti responsabili di associazione a delinquere di tipo mafioso
Papa Francesco ha reso omaggio a Benedetto XVI
PREMIO RATZINGER

Benedetto, maestro nella ricerca della verità

L'omaggio di Francesco al predecessore: "Il suo magistero eredità preziosa"
L'ex premier del Libano Saad Hariri
LIBANO

Il premier Hariri atterrato a Parigi: rientrerà a Beirut il 22 novembre

Macron ha invitato lui e la moglie "per qualche giorno o qualche settimana"