SABATO 11 APRILE 2015, 13:00, IN TERRIS

L'ISIS MINACCIA GLI USA: "FAREMO UN NUOVO 11 SETTEMBRE"

I miliziani dell’autoproclamato Stato islamico hanno lanciato una violenta controffensiva a Ramadi, decapitando altre 25 persone

STEFANO CICCHINI
L'ISIS MINACCIA GLI USA:
L'ISIS MINACCIA GLI USA: "FAREMO UN NUOVO 11 SETTEMBRE"
Una nuova reazione dell’Isis, mediatica e militare. Nonostante la disfatta di Tikrit i soldati dell’autoproclamato Stato islamico hanno lanciato una violenta controffensiva a Ramadi, capitale della provincia irachena di Anbar. L’attacco è stato preceduto dall’esplosione di almeno un’autobomba e da un attacco kamikaze. I jihadisti hanno preso di mira le centinaia di famiglie che si davano alla fuga piazzando dell’esplosivo sul ponte che porta verso Ramadi.

Nella città hanno decapitato 25 persone; alcune fonti affermano che il bilancio potrebbe essere addirittura di 37. I membri della tribù che viveva nel sobborgo di Albu Faraj si erano rifiutati di consegnare le loro armi e unirsi all’Isis. Sui social network i miliziani hanno minacciato di voler “bruciare l’America in un nuovo 11 settembre” creando un’apposita campagna tramite l’hashtag #WewillBurnUSAgain. A Falluja è stata pubblicata e annunciata nelle moschee una lista di 100 persone da uccidere “perché non hanno giurato fedeltà” al Califfato.

La scia di sangue e orrore continua anche a sud di Mosul, dove i jihadisti hanno ucciso a sangue freddo con colpi di arma da fuoco alla testa una decina di “medici che si erano rifiutati di prestare cure ai miliziani feriti”. Nei ranghi opposti l’attenzione si sta spostando verso la regione di al Anbar. Infatti è lì e non più a Mosul che si sta concentrando la risposta dell’esercito iracheno, come dichiarato dal Haidar al Abadi. Intanto, un ventenne americano è stato arrestato in Kansas dall’Fbi con l’accusa di voler piazzare una bomba con 450 kg di esplosivo presso la base militare di Fort Riley. Il giovane era intenzionato a compiere questo atto per dimostrare la sua proclamata fedeltà all’Isis.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Il luogo dell'esplosione
PRATI

Molotov contro un commissariato Ps

La bottiglia incendiaria ha colpito un vecchio furgone della polizia. Indagini in corso
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
Cristiani perseguitati
GERMANIA

Cattolici e protestanti contro i nazionalismi

Presentato a Berlino il rapporto ecumenico sulla libertà religiosa dei cristiani nel mondo