GIOVEDÌ 30 LUGLIO 2015, 13:25, IN TERRIS

L'ISIS E IL RECLUTAMENTO ON-LINE: 8 TERRORISTI SU 10 ADESCATI SUI SOCIAL

Twitter, Youtube e Facebook sono le piattaforme maggiormente utilizzate per la diffusione della jihad in quanto permettono una propaganda rapida e "low cost"

AUTORE OSPITE
L'ISIS E IL RECLUTAMENTO ON-LINE: 8 TERRORISTI SU 10 ADESCATI SUI SOCIAL
L'ISIS E IL RECLUTAMENTO ON-LINE: 8 TERRORISTI SU 10 ADESCATI SUI SOCIAL
Lo Stato Islamico si sa, è sempre più organizzato e la sua strategia mediatica fa di internet una delle più potenti armi per la propaganda della jihad e la diffusione del terrore. Uno degli ultimi rapporti dell'Osservatorio delle fatwa takfiriste e delle opinioni estremiste, rivela che l'80% dei terroristi sono stati raggiunti attraverso i social network.

I siti web ascrivibili a queste organizzazioni sono saliti dai 12 mila del 1997 ai 150 mila del 2015, segnalando così la radicale crescita del terrorismo elettronico, una delle principale cause di divulgazione della violenza e dell'estremismo. Dal rapporto emerge con chiarezza che uno dei motivi che rendono la rete così desiderabile è il fatto che permette un "reclutamento a basso costo".

Twitter è tra le piattaforme maggiormente utilizzate, per la sua capacità e rapidità di aggregazione in occasione di grandi eventi come le operazioni terroristiche. Facebook è più adatto al reclutamento di nuovi seguaci e alla diffusione di idee e Youtube è considerata una vera e propria piazza virtuale, nella quale è possibile promuovere video di addestramento ma anche filmati che rafforzino l'identità estremista dei terroristi e soprattutto che possano essere visti da tutti.

L'Osservatorio fa quindi appello a "creare un ente nazionale che si occupi di lotta al terrorismo via web e che sia dotato di ampi poteri per perseguire questi siti e chi vi è legato", contrastando inoltre la loro azione con "altri siti che diffondano l'ideologia ortodossa". Non mancano consigli per gli ulema e le istituzioni religiose alle quali viene chiesto di prendere le distanze da questi messaggi, svelandone gli errori dottrinali su cui si poggiano. Ai media viene ricordato che non basta coprire i fatti vietando la divulgazione dei filmati, ma è necessario anche fare una vera e propria controinformazione sull'uso del web da parte dei terroristi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android