GIOVEDÌ 10 SETTEMBRE 2015, 13:15, IN TERRIS

IL CALIFFATO COMMENTA LA FOTO DEL PICCOLO AYLAN: "ECCO COSA SUCCEDE A CHI CI LASCIA"

In un articolo pubblicato sulla rivista online "Dabiq", i jihadisti avvertono i rifugiati che cercano la salvezza in Occidente: "Compiono un grave peccato"

HORTENSIA HONORATI
IL CALIFFATO COMMENTA LA FOTO DEL PICCOLO AYLAN:
IL CALIFFATO COMMENTA LA FOTO DEL PICCOLO AYLAN: "ECCO COSA SUCCEDE A CHI CI LASCIA"
La foto del piccolo Aylan al-Kurdi che ha scosso il mondo intero divenendo il simbolo della tragedia dei migranti, torna nuovamente sulla rete, ma questa volta a pubblicare quel volto innocente sono i jihadisti dello Stato Islamico sulla loro rivista online "Dabiq". I rifugiati siriani che cercano la salvezza in Occidente compiono "un grave e pericoloso peccato" e mettono "un’ipoteca" sulle vite e le anime dei loro figli. Così gli uomini di al Baghdadi commentano la morte del bimbo siriano trovato sulla spiaggia di Bodrum.

"Il pericolo di abbandonare la Dar ul-Islam" (la Casa dell’Islam), è questo il titolo dell’articolo in cui l'Isis mette in guardia i migranti dal cercare rifugio in Europa. "Purtroppo, alcuni siriani e libici sono disposti a rischiare la vita e le anime di chi hanno la responsabilità di crescere secondo la sharia - i loro figli - sacrificando molti di loro durante il pericoloso viaggio verso le terre dei crociati governate dalle leggi dell'ateismo e dell'indecenza.

Nel testo vengono elencati i rischi a cui si espongono i rifugiati giungendo con i propri familiari in Occidente, tra questi la "fornicazione, sodomia, la droga e l’alcol". Lasciare il Califfato "apre una porta all'abbandono dell'Islam da parte dei nostri figli e nipoti per il cristianesimo, l'ateismo o il liberalismo".

Se da una parte il premier ungherese, Viktor Orban, ha affermato che l’ondata di profughi dalla Siria e dall’Iraq può minacciare la radici cristiane del Vecchio Continente, dall’altra gli uomini dello Stato Islamico considerano il pericolo inverso, ossia che i rifugiati musulmani subiscano un processo di de-islamizzazione. "Se non cadono nel peccato, dimenticheranno la lingua del Corano - si conclude l'articolo - rendendo il ritorno alla religione e ai suoi insegnamenti più difficile".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Theresa May
BREXIT

May, schiaffo dai Comuni: il Parlamento avrà il veto

Governo sconfitto sull'emendamento chiave: l'accordo con Bruxelles passerà dall'approvazione parlamentare
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo