VENERDÌ 29 MAGGIO 2015, 003:00, IN TERRIS

LIBIA VERSO IL COLLASSO, LEON: "SENZA ACCORDO VINCERÀ LO STATO ISLAMICO"

E' l'ultimo appello dell'inviato speciale dell'Onu il quale afferma l'urgenza di raggiungere un'intesa per la creazione di un governo di unità nazionale

HORTENSIA HONORATI
LIBIA VERSO IL COLLASSO, LEON:
LIBIA VERSO IL COLLASSO, LEON: "SENZA ACCORDO VINCERÀ LO STATO ISLAMICO"
La situazione in Libia è sempre più in bilico, senza un accordo tra le due parti l'unico vincitore sarà l'Isis. E' l'avvertimento dell'inviato speciale dell’Onu Bernardino Leon secondo cui la guerra civile in corso nel paese non fa altro che rafforzare i terroristi che  approfittano di questa fragilità interna per conquistare terreno. Leon fa notare come circa sei mesi fa la presenza dello Stato Islamico nel Paese era ridotta all'Est della Libia, in poco tempo si è diffuso a macchia d'olio nell'intero territorio, da Tripoli a Sirte, alla zona meridionale.

Secondo l'inviato speciale dell'Onu, bisogna capire l'urgenza di arrivare ad un risultato positivo nei negoziati per la creazione di un governo di unità nazionale: "Gli esperti – sottolinea Leon– ci dicono che oggi è ancora possibile fare fronte a Da'esh ( acronimo arabo dell'Isis) in Libia ma se non c'è un accordo e la guerra continua, sarà molto più difficile in futuro". Senza un'intesa all'interno del Paese sarà il terrorismo ad essere avvantaggiato.

"Il Paese non ha più tempo – sottolinea drammaticamente l'inviato speciale dell'Onu  – la Libia è sul punto di collassare, dal punto di vista politico ed economico”. Ipotesi confermata nell'incontro tra Leon e il governatore della Banca Centrale del Paese: "Le difficoltà sono ovunque". Per cercare di affrontare questa emergenza, si sta lavorando ad una quarta bozza di accordo con cui si spera di raggiungere un risultato nelle "prossime 3-4 settimane".

Se negli ultimi negoziati si è arrivati ad un'80% di convergenza, ora resta lavorare sull'ultimo 20% che sembra essere il più difficile, per fare questo spiega Leon "non cerchiamo di avere il 100% di soddisfazione da tutte le parti perché non è possibile, ma bisognerà fare concessioni".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Recep Tayyip Erdogan
CAOS GERUSALEMME

Erdogan al vetriolo: "Israele terrorista"

Il presidente turco apre il vertice dell'Oic: "La Città santa sia capitale della Palestina"