MARTEDÌ 18 AGOSTO 2015, 15:15, IN TERRIS

LIBIA: UNA MISSIONE INTERNAZIONALE PER FERMARE L'AVANZATA DEL CALIFFATO

L'accordo tra gli Usa e l'Ue prevede un intervento di pace guidato dall'Italia. Unico elemento imprescindibile: la collaborazione delle forze libiche per la formazione di un governo di unità nazionale

AUTORE OSPITE
LIBIA: UNA MISSIONE INTERNAZIONALE PER FERMARE L'AVANZATA DEL CALIFFATO
LIBIA: UNA MISSIONE INTERNAZIONALE PER FERMARE L'AVANZATA DEL CALIFFATO
La missione anti-Isis in Libia è sempre più urgente. L'intesa c'è tra Berlino, Londra, Madrid, Parigi, Roma e Washington così come anche l'accordo per affidare all'Italia la guida. Lo Stato Islamico "è una minaccia per tutti i libici" ha avvertito l'Alto rappresentate Ue, Federica Mogherini, rivolgendo un appello alle forze della Libia affinché trovino un compromesso per formare un governo di unità nazionale, unica strada per affrontare la crescente presenza del Califfato nel Paese africano.

La strage che in questi giorni si è consumata a Sirte, testimonia come i jihadisti approfittino del vuoto di potere e della mancanza di sicurezza per poter allargare i propri confini. Sembra proprio che la strada da intraprendere sia quella di una coalizione anti-Isis, così come sottoscrivono gli Stati interessati: "Francia, Germania, Italia, Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti condannano con forza gli atti barbarici che terroristi affiliati all'Isis stanno perpetrando in Libia".

I sei governi, dopo aver sottolineato il buon svolgimento degli ultimi negoziati a Ginevra, hanno ribadito l'urgenza di una collaborazione tra le fazioni libiche e la comunità internazionale in quanto una soluzione militare al conflitto non sembra essere la risposta giusta. "Siamo pronti a sostenere la messa in pratica di questo accordo politico, affinché il governo di concordia nazionale e tutte le nuove istituzioni nazionali possano funzionare efficacemente e venire incontro alle necessità più urgenti del popolo libico".

Di fronte alle atrocità commesse dall'Isis, anche la Nato lancia un appello, e seppur con estrema prudenza, annuncia la sua disponibilità nel favorire un processo di pace: "Gli alleati si consultano regolarmente sugli sviluppi e sulla sicurezza in Nord Africa e Medio Oriente – spiega la fonte – e seguiremo da vicino gli eventi nella regione. Non stiamo pianificando alcun ruolo in una possibile forza di stabilizzazione in Libia, ma siamo pronti a dare sostegno nella costruzione di un'istituzione di difesa, se le condizioni lo permettono e sarà richiesto dalla Libia".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il premier Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Dublino e relocation scogli in discussione Ue"

Lo ha detto il premier italiano dal summit europeo di Bruxelles
L'esito del voto sul Biotestamento (Lapresse)

Congiura contro la vita

Il cupo sodalizio tra Pd e Movimento 5 stelle sul fine vita ha determinato al Senato della Repubblica...
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Nessun favoritismo, non mi dimetto"

Il sottosegretario ospite a 'Otto e mezzo'. Scontro con Travaglio: "Fossi stata uomo non mi avrebbe tratta...
Andrea La Rosa
ANDREA LA ROSA

Ex calciatore ucciso: fermati madre e figlio

Il corpo era nel bagagliaio dell’auto guidata da Antonietta Biancaniello
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Ambulanza (repertorio)
FRANCIA

Treno travolge uno scuolabus: almeno 4 morti

Tragico incidente a Millas, vicino al confine con la Spagna. Due bambini tra le vittime
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"