MERCOLEDÌ 16 DICEMBRE 2015, 18:00, IN TERRIS

LIBIA: RINVIATA LA FIRMA DI TRIPOLI E TOBRUK SULL'ACCORDO ONU

La fumata bianca dovrebbe arrivare domani. Le Nazioni Unite: "Problemi logistici, non politici"

AUTORE OSPITE
LIBIA: RINVIATA LA FIRMA DI TRIPOLI E TOBRUK SULL'ACCORDO ONU
LIBIA: RINVIATA LA FIRMA DI TRIPOLI E TOBRUK SULL'ACCORDO ONU
La firma sull'accordo, voluto, tra i due parlamenti libici, per un governo d'unità nazionale sarà apposta giovedì 17 dicembre e non oggi. Lo ha annunciato un portavoce delle Nazioni Unite, spiegando che il rinvio della firma è dovuto a motivi "logistici" e non politici, come era invece trapelato dalla riunione di ieri a Malta tra i presidenti dei due Parlamenti che rappresentano gli intransigenti degli schieramenti. Da Malta, dove è avvenuto il primo incontro tra Nuri Abu Sahmeim, presidente dell'Assemblea internazionalmente riconosciuta di Tobruk, e Aqila Salah, capo dell'islamista General National Congress di Tripoli, era arrivata la notizia di un ulteriore rinvio della firma. Secondo quanto riferito dal "Times of Malta" per i due politici il testo definito dall'Onu è contrario alla volontà del popolo libico. "Siamo venuti qui per annunciare al mondo che siamo in grado di risolvere i nostri problemi da soli con l'aiuto della comunita' internazionale ma non accetteremo alcun intervento straniero.

"E' contro la volontà del popolo libico", ha scandito Abu Sahmeim. Sulla stessa linea Salah che però ha esortato la comunità internazionale a considerare i progressi compiuti nell'incontro. "Ma - ha aggiunto - dobbiamo avere il tempo di formare un efficace governo di unità (nazionale), perché se agissimo frettolosamente questo porterebbe a ulteriori problemi nel futuro". Intanto si è saputo che alcune milizie di Tripoli che fanno capo al Raggruppamento delle piazze della Rivoluzione, hanno respinto il documento firmato dai paesi partecipanti alla Conferenza di Roma sulla Libia di domenica scorsa. In una nota diffusa alla stampa libica, il Raggruppamento sostiene di "appoggiare invece il dialogo inter-libico e il documento emerso dall'accordo di Tunisi", quello senza l'Onu. Secondo i miliziani libici, "sono da respingere le considerazioni fatte in documenti come quello di Roma, che consentono ingerenze negli affari interni libici, mentre la via da seguire e' quella dell'accordo avviata a Tunisi".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
GENOVA

Disabile muore carbonizzato in un istituto

La vittima un 49enne con problemi psichiatrici. A provocare la tragedia potrebbe essere stata una sigaretta
La frontiera fra Italia e Austria
MIGRANTI

Austria, ecco la task-force al Brennero

Seicento agenti per monitorare la frontiera ma la situazione, al momento, è tranquilla
Andres Escobar
LA SVOLTA

Omicidio Escobar, verso la giustizia 24 anni dopo

Arrestato il presunto mandante dell'omicidio del calciatore colombiano, "colpevole" di un autogol
Papa Francesco a Puerto Maldonado Photo © Vatican Media
PAPA IN PERÙ

"Non rinunciate alla vostra vita e ai vostri sogni"

Al Hogar Principito di Puerto Maldonado l'incontro con i bambini e i ragzzi senza famiglia: "Il mondo ha bisogno di...
L'attacco dell'11 settembre 2001
11 SETTEMBRE

Riad nega il sostegno ad Al Qaeda

Chiesto a un giudice Usa di porre fine ai processi su un presunto coinvolgimento negli attacchi
Papa Francesco a Puerto Maldonado Photo © Vatican Media
PAPA IN PERÙ

"Non si normalizza la violenza contro le donne"

Il Pontefice a Puerto Maldonado: "L’oro può diventare un falso dio che pretende sacrifici umani"