SABATO 03 SETTEMBRE 2016, 002:00, IN TERRIS

LIBIA, NUOVE MINACCE DELL'ISIS: "VINCEREMO, PREGHERETE A ROMA"

Un kamikaze ha diffuso un messaggio online prima di colpire a Gawarsh, città situata a ovest di Bengasi

REDAZIONE
LIBIA, NUOVE MINACCE DELL'ISIS:
LIBIA, NUOVE MINACCE DELL'ISIS: "VINCEREMO, PREGHERETE A ROMA"
"Vi promettiamo la vittoria, pregherete a Roma". L'ennesimo video pubblicato online dall'Isis si traduce in una nuova minaccia nei confronti della Capitale della cristianità. A realizzarlo è stato un kamikaze prima di entrare in azione e compiere un attacco nella zona di Gawarsha, a ovest della città libica di Bengasi.

Nella clip diffusa sui social network con il titolo "Mio Signore, mi sono affrettato verso di Te per darti soddisfazione", e di cui il sito di notizie libico "Al-Wasat" ha rilanciato alcuni passaggi, il terrorista, chiamato Abdelrahman al-Libi, ha esortato i miliziani islamisti a "resistere e perseverare" di fronte alle operazioni dell'esercito libico a Gawarsha, rivelando che tra le file dell'organizzazione si è verificata "un'infiltrazione".

"O esercito del Califfato, non fatevi ingannare dalla furia di questi apostati, l'esercito del tiranno Haftar e ricordate che i tempi si alternano e la guerra ha esiti mutevoli", ha affermato Abdelrahman al-Libi, che si è fatto esplodere il 30 luglio presso alcune postazioni dell'esercito libico a Gawarsha. Oltre ad Abdelrahman al-Libi, nel messaggio, della durata di 14 minuti, compaiono altri due kamikaze, tra cui Abu Anas al-Libi, che si è fatto esplodere presso un check-point vicino all'ospedale psichiatrico di Bengasi il 26 febbraio scorso, e Abu Issam al-Libi, che ha preso di mira una pattuglia dell'esercito libico vicino ad un centro commerciale nei pressi della zona di al-Houari, sempre a Bengasi.

Questi messaggi vanno letti come un tentativo, da parte del Daesh, per mostrarsi in "buona salute" davanti alle centinaia di miliziani sparsi in Nord Africa e in Medio Oriente. Le recenti sconfitte militari, che hanno portato a un progressivo ridimensionamento del territorio prima controllato dall'Isis, rischiano infatti di scoraggiare nuove adesioni alla causa jihadista. La morte in Siria di Mohammed al-Adnani, portavoce del gruppo, ha poi inferto un duro colpo alla comunicazione dell'organizzazione e al coordinamento dei "lupi solitari", compiti entrambi assolti sotto la supervisione dell'ex braccio destro di al-Baghdadi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il pullman andato a fuoco
KAZAKHSTAN

Pullman prende fuoco: 52 morti

Forse per colpa di un cortocircuito
Malmo, Forze dell'ordine al lavoro sul luogo dell'esplosione
SVEZIA

Malmo, forte esplosione in un commissariato

Forse una bomba a mano nel cortile della stazione di Rosengard: auto distrutte ma nessun ferito
Carlo De Benedetti
L'INGEGNERE

De Benedetti: "Caso Popolari? Un segreto di Pulcinella"

L'ex editore di 'Repubblica' ospite a 'Otto e mezzo' ne ha per tutti: "Scalfari? Un ingrato. Alle...
MONTECITORIO

Ok della Camera alla missione in Niger

Verranno impiegati 470 uomini per arginare il traffico di esseri umani. Incrementi in Tunisia, meno forze in Iraq
Roger Torrent
CATALOGNA

Torrent nuovo presidente del Parlament

L'esponente di Erc è stato eletto con 65 suffragi. Puigdemont rinuncia al voto a distanza
Venti forti sull'Italia
MALTEMPO

Venti forti e freddo artico: temperature in calo in Italia

Da sabato 20 gennaio netto peggioramento delle condizioni climatiche