MARTEDÌ 21 LUGLIO 2015, 003:00, IN TERRIS

LIBIA NEL CAOS, TRA LOTTE INTESTINE E L'AVANZATA DELL'ISIS

MATTIA SHERIDAN
LIBIA NEL CAOS, TRA LOTTE INTESTINE E L'AVANZATA DELL'ISIS
LIBIA NEL CAOS, TRA LOTTE INTESTINE E L'AVANZATA DELL'ISIS
Due governi e Parlamenti contrapposti, l'Isis, al Qaida, miliziani armati e lotte intertribali. Dalla caduta nel 2011 di Muammar Gheddafi la Libia è sprofondata nel caos più totale, mentre sotto la mediazione dell'Onu si lavora ad un accordo condiviso per un governo di unità nazionale che gestisca sicurezza e immigrazione.
Un dossier caldo affrontato dai ministri degli Esteri Ue a Bruxelles, che hanno discusso anche dell'ipotesi di "sanzioni individuali" che potrebbero scattare contro chi si oppone al processo di pace, mentre sul rapimento dei quattro italiani avvenuto a Mellitah si valutano tutte le piste.

Il governo di Tobruk, riconosciuto dalla comunità internazionale, e quello di Tripoli, sostenuto dai miliziani
filo-islamici di Fajr Libya, sono le due principali forze in campo che si contendono il potere dopo la frattura creatasi l'estate scorsa quando milizie islamiche di Misurata non accettarono l'esito delle elezioni e presero Tripoli costringendo il Parlamento eletto e il suo esecutivo a spostarsi a est. Tobruk ha siglato in Marocco una nuova versione di un accordo di pace sotto l'egida dell'inviato dell'Onu, Bernardino Leon. Ma sul testo manca la firma di Tripoli, divisa sul da farsi. C'è poi l'ingombrante presenza del generale Khalifa Haftar, nominato a capo delle forze armate da Tobruk, che non intende abbassare la testa né accettare diktat. In mezzo i jihadisti affiliati allo Stato Islamico, presenti a Sirte, autori di efferate violenze, come la recente esecuzione di un uomo accusato di essere una spia di Fajr Libya, e di altri orrori.

A complicare questa caleidoscopica situazione le spaccature e le alleanze fra i vari gruppi. A Derna, dove l'Isis è stato cacciato, i combattenti della Shura dei mujaheddin (Scmd) hanno stretto legami con al Qaida e combattono sia lo Stato Islamico sia l'esercito di Tobruk. A Bengasi, dove l'aviazione libica ha bombardato una nave con a bordo integralisti armati diretti verso est, proseguono senza sosta i combattimenti, tra
l'esercito che controlla circa il 90% della città ed elementi della Shura dei rivoluzionari coordinati con Ansar al Sharia.  E poi gli scontri intertribali nel sud del Paese, dove nei giorni scorsi si sono registrati 25 morti. In altre parole una babele incontrollata di fazioni e gruppuscoli che genera il caos totale facilitando, tra l'altro, le partenze dei barconi di migranti.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
TAGS
libia
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Dan Johnson
KENTUCKY

Si suicida deputato accusato di stupro

Il repubblicano Dan Johnson era nell'occhio del ciclone per un presunto caso di violenza sessuale
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"