VENERDÌ 19 GIUGNO 2015, 16:00, IN TERRIS

LIBIA: LA TUNISIA CHIUDE IL CONSOLATO DOPO IL RAPIMENTO DEI FUNZIONARI

Gli uomini sono tornati ora a casa, dopo essere stati rapiti per una ritorsione

AUTORE OSPITE
LIBIA: LA TUNISIA CHIUDE IL CONSOLATO DOPO IL RAPIMENTO DEI FUNZIONARI
LIBIA: LA TUNISIA CHIUDE IL CONSOLATO DOPO IL RAPIMENTO DEI FUNZIONARI
Il governo tunisino ha deciso ora di chiudere gli uffici consolari a Tripoli, in Libia, dopo il rapimento di dieci dipendenti della sede diplomatica, avvenuto una settimana fa, come ha annunciato il ministro degli Esteri di Tunisi. I 10 funzionari del consolato sono stati liberati e sono tornati oggi in Tunisia. Venerdì scorso, miliziani armati hanno assaltato la sede del consolato tunisino per catturare i diplomatici, tre dei quali erano stati rilasciati nei giorni scorsi. L’attacco sembra che sia stato una ritorsione per l’arresto in Tunisia di Walid al Qalib, capo delle milizie “Alba”. Proprio quest’ultimo sarebbe stato rilasciato dalle autorità tunisine e al momento sarebbe in viaggio verso Tripoli. Li ha detto Ghazi Maala, esperto di affari libici, citando i familiari di al Qalib e fonti della Corte di appello Tunisi. Al momento non è però possibile verificare l’attendibilità di queste informazioni.

La notizia della scarcerazione dell’uomo era già stata annunciata questa mattina, ma poi smentita dalle autorità. La liberazione sarebbe avvenuta contestualmente al riscatto dei diplomatici rapiti. Sul rapimento era intervenuto anche il rappresentante speciale del segretario generale Onu per la Libia, Bernardino Leon, chiedendone il rilascio immediato e incondizionato.

In un comunicato stampa diffuso dall’Onu, l’inviato speciale ha invitato sia il Congresso nazionale libico di Tripoli, sia il governo di Tobruk a fare il possibile per liberare i funzionari tunisini, sottolineando la necessità di garantire la protezione alle missioni diplomatiche in Libia. “Questo atto è inaccettabile ed è un’ulteriore prova del caos che vige nel paese”, ha affermato Leon, ribadendo la necessità di porre fine al conflitto fra i due governi rivali e giungere a un accordo politico per riportare sicurezza e stabilità nel paese.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'accusa nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Emmanuel Macron durante il summit (foto di ansa.it)
CLIMA

Macron: "Stiamo perdendo la battaglia"

Il presidente francese ha aperto lo "One Planet Summit" di Parigi. "Non dobbiamo sbagliare"
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo