MERCOLEDÌ 02 NOVEMBRE 2016, 002:36, IN TERRIS

Libia, la Banca Centrale apre i cordoni. Arrivano i soldi per i servizi al cittadino

La Banca Centrale libica ostacolava la consegna dei fondi ottenuti dalla vendita di petrolio per sostenere la crescita del Paese

EDITH DRISCOLL
Libia, la Banca Centrale apre i cordoni. Arrivano i soldi per i servizi al cittadino
Libia, la Banca Centrale apre i cordoni. Arrivano i soldi per i servizi al cittadino
I rappresentanti del Governo di accordo nazionale (Gna) e la Banca Centrale della Libia hanno raggiunto a Londra un accordo per la ripresa dei finanziamenti interni al Paese, attraverso il ricorso alle riserve della Banca Centrale per far fronte, con un ammontare di quasi 9 miliardi di euro, alle necessità più urgenti e consentire al Gna di offrire alcuni servizi essenziali alla popolazione. Evitato per ora il default.

L'intesa è stata raggiunta in seguito della riunione promossa a Londra dal Segretario di Stato Usa, John Kerry, e dal Ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni. E' "un primo passo avanti nella stabilizzazione dell'economia e per la realizzazione di programmi prioritari per il Paese, inclusa l'erogazione dei servizi essenziali e la sicurezza dei cittadini", spiega Gentiloni in una nota, esprimendo soddisfazione.

Il vertice era stato convocato per tentare di dare una risposta alla crisi finanziaria che attraversa la Libia e fare un 'pressing' sulla Banca centrale ed evitare il collasso economico. In particolare, per gestire il difficile rapporto tra il Consiglio presidenziale di al-Serraj e la Banca Centrale libica che ostacola la consegna dei fondi ottenuti dalla vendita di petrolio per sostenere la crescita del Paese in un momento politico complesso.

E' stato inoltre definito un meccanismo di raccordo tra banca centrale e governo, per rendere più rapida ed efficace l'attuazione delle misure di politica economica. A tal fine, il premier libico Fayez al-Sarraj si è impegnato per promuovere la nomina di un Vice Ministro dell'economia e della finanze. Una riunione di verifica tecnica delle iniziative accordate a Londra si terrà a Roma il 17 novembre prossimo nello stesso formato.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini
Il sistema Kepler 90 e il nostro a confronto:
KEPLER

Scoperto il gemello del Sistema Solare

Formato da otto pianeti, dista 2.545 anni luce
Polizia
OSTIA

Arrestati ex dirigente del Municipio e due imprenditori

Accusati di corruzione, abuso d’ufficio, falsità ideologica e millantato credito
MEDICI E VETERINARI

Nuovo sciopero a febbraio

Fermi i giorni 8 e 9. Sindacati: "La sanità pubblica è in emergenza"
Il premier Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Dublino e relocation scogli in discussione Ue"

Lo ha detto il premier italiano dal summit europeo di Bruxelles