GIOVEDÌ 23 APRILE 2015, 001:01, IN TERRIS

L'EUROPA ACCUSA FORMALMENTE GAZPROM, IL MONOPOLIO RUSSO DEL GAS

Secondo l'Unione la società è colpevole di abuso di posizione dominante

AUTORE OSPITE
L'EUROPA ACCUSA FORMALMENTE GAZPROM, IL MONOPOLIO RUSSO DEL GAS
L'EUROPA ACCUSA FORMALMENTE GAZPROM, IL MONOPOLIO RUSSO DEL GAS
Ancora tensioni tra Unione europea e Russia. La Commissione ha formalmente accusato Gazprom, il monopolio russo del gas, di “abuso di posizione dominante” per le sue pratiche commerciali nell’Europa centrale e orientale, con cui ha attuato una “politica di prezzi sleale” e ha “ostacolato la concorrenza” creando “barriere artificiali”. L’azienda ora ha 12 settimane di tempo per rispondere ai rilievi dell’Antitrust europeo, in quella che è la più importante procedura mai aperta nei confronti di una compagnia controllata da uno Stato. Ma non si è dovuto attendere molto per la replica del gruppo russo, che definisce “infondate” le accuse e auspica una soluzione del caso “a livello governativo”. In una nota, il gigante russo del gas assicura di aderire strettamente alla regolamentazione in vigore e di agire in “confomità totale con gli standard osservati” dal settore.

In particolare, la Commissione europea ha trovato in via preliminare che Gazprom ostacola la concorrenza in otto Paesi membri, ovvero Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia e Slovacchia, dove impone restrizioni territoriali negli accordi di fornitura con i grossisti e alcuni clienti industriali, vietando l’export del gas e imponendo clausole che limitano l’utilizzo del gas a un territorio specifico.

Oltre ad impedire il libero scambio di gas, le restrizioni territoriali possono provocare un aumento dei prezzi e permettere a Gazprom di condurre “una politica dei prezzi sleale” in cinque Stati membri. L’inchiesta europea arriva proprio in un momento delicato nei rapporti con Mosca. Infatti le sanzioni Ue a imprese e settori dell’economia russa sono in vigore dall’aprile dell’anno scorso e scadranno il prossimo luglio. Sul fronte del gas, dopo lo stop della Ue al progetto South Stream, la Russia sta studiando una rotta alternativa, il Turkish Stream e sta trattando con la Grecia di Tsipras per un prolungamento del percorso.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia
Il Muro del Pianto
GERUSALEMME

La Casa Bianca: "Il Muro del Pianto è parte di Israele"

Fonti dell'amministrazione: "Impensabile uno scenario diverso". Scontri e morti nella regione