MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2018, 14:30, IN TERRIS


SPAGNA

"Legalizzare l'utero in affitto": è polemica

Per Ciudadanos rendere legale la maternità surrogata è "un passo avanti come l'aborto e il matrimonio gay".

REDAZIONE
Protesta delle Femen contro Ciudadanos
Protesta delle Femen contro Ciudadanos
N

on tutte le forze democratiche dei Paesi occidentali sembrano essere d'accordo sulla condanna dell'utero in affitto. Lo dimostra il fatto che in Spagna c'è chi propone di legalizzare questa pratica. Si tratta di Ciudadanos, partito creato nel 2005 a Barcellona da un gruppo di quindici intellettuali, professori universitari e professionisti di diversi settori, poi estesosi a tutta la Spagna. Il presidente del partito, Alberto Rivera Diaz, ritiene che rendere legale la maternità surrogata sarebbe "un passo avanti come l'aborto e il matrimonio gay".


"Una proposta altruistica"

"Prima della fine del 2018, discuteremo e vedremo se questo regolamento sarà approvato o no", ha aggiunto Rivera, che ha annunciato che il suo partito presenterà una proposta di legge per la regolazione della maternità surrogata. Secondo lui, l'eventuale approvazione renderebbe la Spagna "un Paese moderno", un passo in avanti verso il progresso come avvenuto dopo "la legge sull'aborto o la legalizzazione del matrimonio tra coppie dello stesso sesso". In questo modo, stando al ragionamento di Ciudadanos, si eviterebbe che gli interessati vadano all'estero per "affittare" uteri, dunque ritiene la sua "una proposta altruistica" ed ha chiesto alle forze politiche di conoscere questa realtà "perché cambierebbe la loro percezione".


Femen contro Ciudadanos

La proposta ha suscitato polemiche. Sabato scorso, 8 settembre, un gruppo di Femen, durante la riunione del partito svoltasi a Malaga, ha protestato con la nota modalità di mostrare il seno nudo. Come riferisce Notizie ProVita, sulla pancia delle due attiviste la scritta: "La mia pancia non si affitta!". Su Twitter, poi, il gruppo ha esplicitato ancora meglio la propria posizione: "Femen contro Albert Rivera e la sua politica a favore dell’utero in affitto. Lo sfruttamento non è un’opzione". Notizie ProVita commenta che "il motto 'l’utero è mio e lo gestisco io' non tramonta mai, ma almeno in questo caso viene utilizzato in favore di donne e bambini, e non contro di loro, come accade invece nel momento in cui si parla di aborto".


Una battaglia anche femminista

Non è la prima volta che gruppi femministi prendano posizione contro l'utero in affitto. Collettivo per il rispetto della persona, rete internazionale di associazioni femministe, ha diffuso in un comunicato stampa i contenuti di un intervento indirizzato alla Conferenza Permanente dell'Aja sul Diriitto Internazionale Privato chiedendo di:1) non offrire alcun sostegno a livello internazionale alle pratiche di maternità surrogata; 2) riconoscere la necessità di una Convenzione internazionale per l'abolizione delle pratiche di maternità surrogata, in analogia con quanto già realizzato contro la schiavitù, con iniziative anche presso le Nazioni Unite. In Italia è nota in questo senso la battaglia di "Se non ora quando - Libere", che insieme ad altre organizzazioni, durante la campagna elettorale per le scorse politiche ha rivolto un appello ai candidati per prendere posizione contro chi aggira la legge 40 andando ad affittare un utero all'estero e tornare in Italia con il bambino.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La sede della Corte suprema polacca
GIUSTIZIA

Polonia deferita davanti alla Corte Ue

Secondo la Commissione la riforma della Corte suprema viola l'indipendenza dei giudici
Il viadotto Marco Polo, in via di Varlungo a Firenze, teatro dell'aggressione
FIRENZE

Aggredita e violentata una studentessa

La violenza è avvenuta poco dopo mezzanotte in via di Varlungo
TERREMOTO

Crollo del campanile di Accumoli, al via il processo

La torre campanaria piombò sul tetto dell'edificio adiacente uccidendo la famiglia Tuccio
Brexit
BREXIT

May al bivio, c'è lo spettro del voto bis

Ore calde per la premier dopo il flop di Salisburgo, Corbyn non chiude al nuovo referendum ma spinge per le elezioni anticipate
VACCINI

Nas scoprono false certificazioni: sette denunce

Il reato ipotizzato nei loro confronti è di falso ideologico
UGANDA

Le missioni aiutano mamme e neonati in ospedale

Al “St Luke Health Centre" acquistati un'ambulanza, incubatrici e macchinari per le ecografie
BOLOGNA

Frode fiscale internazionale: 16 indagati

Sequestrati beni mobili e immobili per quasi 25 milioni di euro
I soccorsi davanti l'archivio di Stato ad Arezzo il giorno della tragedia
TRAGEDIA NELL'ARCHIVIO DI STATO

Dipendenti morti ad Arezzo: 5 indagati

Disposta l'autopsia sui corpi dei due dipendenti deceduti a causa dell'intossicazione da argon
TUNISIA

Alluvioni a Cap Bon: almeno 6 morti

Le piogge torrenziali in Tunisia sono state provocate dal ciclone che si è formato nel Mar Tirreno e che nei giorni scorsi...
Arresti nella cosca Alvaro
REGGIO CALABRIA

‘Ndrangheta: smantellata la cosca Alvaro

Tra i 18 fermi anche il sondaco di Delianuova Francesco Rossi
Aleksei Navalny
RUSSIA

E' durata poco la libertà di Navalny

Oppositore scarcerato e poi arrestato. Ha partecipato a proteste non autorizzate
Il Papa durante l'incontro con le autorità lettoni - Foto © Vatican Media
VIAGGIO NEI PAESI BALTICI

Il Papa a Riga: "La libertà è costruita sulle radici"

Il Santo Padre incontra le autorità lettoni: "La maternità della Lettonia focalizza strategie per le...