LUNEDÌ 10 DICEMBRE 2018, 11:09, IN TERRIS


OMICIDIO KASHOGGI

Le ultime parole del giornalista: "Non respiro"

Una registrazione ottenuta dalla Cnn svela alcuni dettagli dell'esecuzione

DANIELE VICE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Jamal Khashoggi
Jamal Khashoggi
"N

on respiro, non respiro". Sarebbero state queste le ultime parole pronunciate da Jamal Kashoggi prima di essere ucciso nel consolato saudita a Istanbul.


Piano mortale

Le suppliche del giornalista sono contenute nella trascrizione tradotta della registrazione audio degli ultimi raccapriccianti momenti prima della sua morte, il 2 ottobre: le ha ottenute la Cnn, da una fonte "ben informata", e da esse emerge che la morte del dissidente saudita non fu il frutto di un errore ma il risultato di un piano attentamente portato a termine. Alcuni particolari della raccapricciante esecuzione erano già emersi nelle scorse settimane, ma questa è la descrizione più dettagliata.


Le telefonate

Secondo la registrazione, un uomo - identificato come Maher Abdulaziz Mutreb, un ex diplomatico e uomo dell'intelligence saudita - durante quei concitati momenti fece tre telefonate a qualcuno che probabilmente era un suo superiore. "Dì ai tuoi, la cosa è fatta, è fatta". Non è chiaro chi ci fosse all'altro capo della linea. Secondo la Cnn, è probabile che Mutreb stesse aggiornando sugli sviluppi Saud al-Qahtani, l'ex capo della comunicazione di Mohamed bin Salman. Fedelissimo della Corona, 40 anni, 7 in più del principe ereditario saudita, al-Qahtani esercitava un'influenza decisiva su Mbs, ma è stato rimosso dal suo incarico dopo la morte di Khashoggi e ora è indagato dalla procura di Ankara. 


L'esecuzione

"Non riesco a respirare, non riesco a respirare", gridava Khashoggi. E poi si sentono una serie di rumori attutiti, persone che parlano a voce alta, ma non si distinguono le parole. La trascrizione descrive meticolosamente i suoni che seguono. "Urla, urla, soffoca, sega, taglia". Uno dei due sicari, identificati nella trascrizione come Salah Muhammad al-Tubaiqi ad un certo punto consiglia i sodali di mettersi gli auricolari ("Ascoltate la musica, come me"), evidentemente per coprire i rumori della sega ossea. 
La trascrizione è stata preparata dai servizi di intelligence turchi che non hanno mai detto come l'hanno ottenuta; è stata tradotta prima di essere consegnata ad altri servizi di intelligence. 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Van der Bellen e Kurz
AUSTRIA

Governo: c'è l'ok di Van der Bellen ai tecnici

Nelle prossime ore Kurz dovrebbe presentare la lista dei nuovi ministri
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile