DOMENICA 16 AGOSTO 2015, 001:44, IN TERRIS

LE SCUSE A METÀ DI SHINZO ABE

La Cina rifiuta le parole del leader nipponico, considerate solo come un discorso "politically correct"

CLAUDIA GENNARI
LE SCUSE A METÀ DI SHINZO ABE
LE SCUSE A METÀ DI SHINZO ABE
A settant'anni dalla controversa dichiarazione di resa dell'imperatore Hirohito, il premier giapponese Shinzo Abe si è scusato ieri a modo suo con i Paesi asiatici, per il colonialismo, le invasioni e le "sofferenze incommensurabili" di cui il Giappone fascista si è reso responsabile nel Novecento, fino alla fine della seconda guerra mondiale. Il leader conservatore di Tokyo, criticato per la sua corsa al riarmo e per l'imposto addio alla Costituzione pacifista del 1946, ha riconosciuto le responsabilità belliche nazionali, esprimendo "profondo rimorso e sincere scuse", come i predecessori Tomichi Murayama e Junichiro Koizumi in occasione dei decennali passati.

Ha avvertito però che le nuove generazioni, nate dopo il crollo dell'impero, non possono "essere predestinate a scusarsi per sempre, non avendo nulla a che fare con la guerra". Il distinguo ha irritato la Cina, una delle nazioni invase e tra quelle più colpite dalle atrocità nipponiche, che ha subito respinto le scuse di Tokyo, definite "un passo indietro e nel migliore dei casi annacquate". Pechino non dimentica il massacro di Nanchino, ancora minimizzato da Tokyo, e ha subito accusato Abe di "voler chiudere una tragica pagina di storia limitandosi a scuse calibrate una volta per tutte".

Dopo sette decenni, a causa dell'ambiguità di un Giappone che a differenza della Germania post-nazista non ha mai fatto onestamente i conti con la propria storia, le ferite del passato nel Pacifico si sommano alle tensioni del presente.

Il risultato è che tutti mantengono argomenti per dirsi insoddisfatti e avanzare nuove rivendicazioni, territoriali e private. A settembre il primo banco di prova. Abe il 3 non presenzierà alla maxi-parata militare a Pechino, che celebrerà proprio la sconfitta di Tokyo nel 1945, ma ha auspicato di poter tenere un vertice subito dopo con Xi Jinping. Dalla disponibilità del presidente cinese si capirà se la seconda guerra mondiale anche in Asia può cominciare ad essere consegnata ad un condiviso libro di storia.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano