DOMENICA 24 MARZO 2019, 19:23, IN TERRIS


ELEZIONI

La Thailandia ha votato, risultato in bilico

Secondo gli exit-poll è equilibrio fra il generale Chan-Ocha Prayut e l'opposizione, in un'elezione "senza" il Senato

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bandiera thailandese
Bandiera thailandese
C

inque anni dopo il golpe che sovvertì l'ordinamento del Paese, portando al potere la giunta militare del generale Chan-Ocha Prayut: la Thailandia torna al voto dopo un'attesa durata dal 2014, chiamando alle urne i cittadini per decretare chi, fra il partito Palang Pracharath Party (lo stesso della reggenza militare) e il Pheu thai (l'opposizione) salirà al governo del Paese. I seggi si sono chiusi alle 11 ore italiane e, secondo i primi exit-poll, in vantaggio sarebbe proprio il partito di Prayut: 31% contro il 29% del Pheu thai, staccando piuttosto nettamente il terzo partito in corsa, attestatosi attorno al 18%. Risultati che, al netto della parzialità, rendono assai probabile la necessità di un alleato per entrambe le forze di vertice per riuscire a ottenere una maggioranza.


Il voto

Numeri, quelli dell'opposizione, parzialmente inattesi dopo che l'attuale governo aveva operato alcune modifiche alla Costituzione, decretando di fatto l'esclusione del principale partito avversario e la possibilità di governare anche per lo sconfitto, visto che la legislazione non prevede l'elezione dei 250 membri del Senato. In sostanza, vista la scelta preventiva (approvata dal re) dei membri della camera in questione, al generale servirebbero solo 126 voti per aggiudicarsi la maggioranza assoluta al momento di votare il primo ministro (per il quale si esprimeranno deputati e senatori insieme). Al partito d'opposizione, guidato dalla candidata Sudarat Keyuraphan, servirebbe un largo (o larghissimo) consenso fra i deputati (perlomeno il 75%) per spuntarla (sempre considerando esclusi i 250 del Senato). Una sfida estremamente ardua anche per una politica navigata come l'ex leader del Thai Rak thai, vincitrice del confronto interno degli aspiranti candidati della coalizione.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore