MERCOLEDÌ 13 MARZO 2019, 01:00, IN TERRIS


CLIMA

La sponda degli scienziati a Fridays for Future

Dodicimila studiosi di Germania, Austria e Svizzera a sostegno del movimento ambientalista

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Una manifestazione di Fridays for Future
Una manifestazione di Fridays for Future
D

odicimila scienziati di Germania, Austria e Svizzera hanno dichiarato pubblico sostegno agli studenti del movimento contro il surriscaldamento climatico Friday for Future, nato sull'onda dell'attivismo della sedicenne svedese Greta Thunberg


Risposta all'appello

Secondo gli studiosi le motivazioni della protesta studentesca sono "lecite e ben motivate", mentre le misure contro il clima prese fino ad ora dai governi "non bastano". Il patto per il clima siglato a Parigi obbliga gli Stati a impegnarsi per mantenere la temperatura globale "chiaramente" sotto la soglia dei due gradi, ammoniscono gli esperti. Perché il limite non venga superato, è necessario agire ora per ridurre "velocemente" le emissione nette di CO2 e di gas serra, portarle a zero al massimo entro il 2040-2050, si legge nell'appello. 


La situazione

La Germania molto probabilmente non raggiungerà gli obiettivi per la protezione del clima nel 2020. Anche il raggiungimento dei paletti fissati dalla strategia di sostenibilità per il 2030 non è assicurato, ammoniscono gli esperti. L'Austria ha fissato obiettivi per il clima che non sono in linea con il trattato di Parigi. La Svizzera ha ridotto solo leggermente le emissioni di gas serra dal 1990; e le emissioni generate all'estero sono aumentate in modo significativo secondo gli esperti. Il messaggio di questo incontro tra studenti ed esperti, ha sottolineato Luisa Neubauer, è che "non ci sono più scuse, il collasso ecologico non è un'opzione per la nostra generazione". L'appoggio degli scienziati rende la protesta "più facile", secondo Neubauer che insieme a migliaia di studenti in tutto il mondo è pronta a scendere in strada per la manifestazione globale del 15 Marzo.


Situazione grave

Secondo gli scienziati, il movimento Friday For Future ha capito la gravità della situazione, ora la politica deve prendersi la "responsabilità" di costruire le condizioni favorevoli alla difesa del clima. Tra i promotori del movimento Scientists for Future ci sono Maja Goepel, segretaria generale del comitato scientifico del Parlamento tedesco, il medico Eckart von Hirschhausen, l'esploratrice polare e ricercatrice Karen Wiltshire e il professore di sistemi rigenerativi energetici all'Università per le scienze applicate di Berlino, Volker Quaschning. Il sostegno degli scienziati arriva dopo che il leader del partito liberale (Fdp) tedesco Christian Lindner aveva sminuito la protesta dei ragazzi. La difesa del clima è una cosa da "professionisti" e non si ci può aspettare - aveva ammonito - che i giovani capiscano cosa sia "tecnicamente utile ed economicamente fattibile" per la difesa del clima.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BERGAMO

Due fratelli muoiono durante un bagno nel lago d’Iseo

Non sapevano nuotare, per i carabinieri potrebbe averli inghiottiti una buca sott’acqua. Cinque morti in due giorni
TOSCANA

Ecco gli eredi di giullari e menestrelli

Un festival dedicato ai poeti ambulanti e al repertorio dei cantastorie
MIGRANTI

Open Arms, la polizia nella sede della Guardia Costiera

Ieri l'appello del presidente dell'Europarlamento, David Sassoli, affinché l'Italia consenta lo sbarco

Due punti fondamentali

Siamo finiti in un grande confusione, ed è difficile comprendere quali esiti finali avrà la crisi di...
Peter Fonda in Easy Rider
CINEMA

E' morto Peter Fonda, la star di Easy Rider

L'attore, figlio del grande Henry, aveva 79 anni. Con il film capolavoro del 1969 segnò un'intera generazione

Positivo all’alcoltest chiama il padre, ma è ubriaco anche lui

L’uomo per evitare il sequestro dell’auto si è fatto venire a prendere dai genitori, ma al padre hanno...
Papa Francesco

Papa Francesco paladino dell'umanità

Non è facile comprendere la sofferenza umana a tal punto da volere che ad essa si offra sollievo. E’...
PARIGI

Ricostruire Notre-Dame per far rinascere la fede

Messaggio di papa Francesco alla diocesi di Parigi impegnata a riportare al suo antico splendore la cattedrale gravemente...