MERCOLEDÌ 01 APRILE 2015, 19:45, IN TERRIS

LA PALESTINA ENTRA NELLA CORTE DELL'AJA, ISRAELE RISCHIA IL PROCESSO

Una cerimonia ha ufficializzato l'entrata al Cpi

AUTORE OSPITE
LA PALESTINA ENTRA NELLA CORTE DELL'AJA, ISRAELE RISCHIA IL PROCESSO
LA PALESTINA ENTRA NELLA CORTE DELL'AJA, ISRAELE RISCHIA IL PROCESSO
La Palestina è entrata ufficialmente a far parte dei 123 Paesi che aderiscono alla Corte penale internazionale, il tribunale per i crimini internazionali che ha sede all'Aja, in Olanda. Questa mattina si è svolta la cerimonia durante la quale il ministro degli esteri palestinese Ryad al Malki ha ricevuto una copia simbolica dello Statuto di Roma, che prevede i principi fondamentali sul funzionamento della Corte.

L'ingresso della Palestina tra gli stati membri del Cpi, offre quindi la possibilità di aprire un fascicolo contro i leader israeliani per crimini di guerra e crimini legati all'occupazione. In particolare si fa riferimento a quegli atti commessi dopo il 13 giugno 2014, data di inizio "dell'escalation militare israeliana" seguita al rapimento e poi all'uccisione di tre giovani ebrei in Cisgiordania. "E'una giornata storica - ha commentato il negoziatore capo Saeb Erekat - servirà come sollecito alla comunità internazionale ad assumersi le proprie responsabilità al fine di raggiungere una pace duratura e mettere fine all'occupazione".

La domanda ufficiale per entrare a far parte della corte era stata presentata dall'ambasciatore Riyad Mansour il 2 gennaio 2015, dopo la bocciatura da parte del Consiglio di sicurezza della risoluzione palestinese per la fine dell'occupazione israeliana in Cisgiordania. Alcuni giorni dopo il presidente Abu Mazen aveva presentato un documento in cui autorizzava la procuratrice Fatou Bensouda ad avviare le indagini sulle "situazioni" riguardanti la Striscia di Gaza, l'espansionismo ebraico e lo sfruttamento delle risorse nei territori occupati.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"