MERCOLEDÌ 24 GENNAIO 2018, 15:15, IN TERRIS


IRAQ

"La lotta all'Isis continua"

Il vicepresidente Allawi: "Azioni mirate e intelligence sostituiranno le operazioni militari"

LUANA POLLINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Combattimenti in Iraq
Combattimenti in Iraq
L

a guerra all'Isis in Iraq non è ancora finita ma presto cambieranno le modalità di scontro con i miliziani. Lo ha detto il vicepresidente Iyad Allawi durante un incontro con una delegazione dei media del Kuwait a Baghdad. Allawi ha spiegato che la lotta contro il sedicente Stato islamico sarà portata avanti con azioni mirate di intelligence e anti terrorismo, che prenderanno il posto delle operazioni militari su larga scala


La strategia

Secondo quanto riferisce l'agenzia di stampa ufficiale Kuna, il vicepresidente iracheno ha detto che l'ideologia estremista deriva dalla violenza settaria in corso nel Paese e ha indicato la lotta alla corruzione diffusa e alla cattiva amministrazione come via maestra per risolvere i conflitti etnico-sociali in corso in Iraq. Nel frattempo, Allawi ha acclamato la capacità e la saggezza del Kuwait di affrontare "grandi dilemmi politici", aggiungendo che "nonostante la sua dimensione geografica, ha una forte posizione morale nella regione e nel mondo". 


Gli ultimi attacchi

Lo scorso 9 dicembre il premier Haidar al Abadi ha annunciato in pompa magna la sconfitta del Califfato nel Paese. Una vittoria frutto della riconquista di Mosul e di altre roccaforti strategiche occupate dagli jihadisti. Per prevalere sulle singole sacche di resistenza, invece, servirà più tempo. Lo dimostrano gli attacchi compiuti ogni settimana contro forze della polizia e civili.Secondo i dati della Missione di Assistenza delle Nazioni Unite in Iraq (Unami), a dicembre, almeno 69 persone sono state uccise nel Paese mediorientale e 142 sono rimasti ferite in atti di terrorismo o a seguito di scontri armati. Nelle ultime ore, fra l'altro, si sono verificati almeno due attentati a Baghdad, per un bilancio provvisorio di due vittime. Il primo è avvenuto nel distretto di al-Jihad, dove è esplosa un'autobomba che ha provocato la morte di un funzionario del ministero del Commercio. Il secondo si è verificato sempre nel quadrante occidentale della capitale. 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Bandiera della Germania

Conoscete i confini della Germania?

Invitati alla trasmissione radiofonica "Un giorno da pecora", ben quattro alti leader di maggioranza...
Il regista sudcoreano durante la premiazione
CINEMA

Cannes, Bong Joon Ho trionfa sulla Croisette

Vince il sudcoreano con il suo "Parasite". Fra gli attori, premiati Antonio Banderas e Emily Beecham
L'arrivo dei soccorsi
CADICE

Italiani arrestati in Spagna per rissa

Sono quattro studenti Erasmus; il giovane pestato dal branco è grave
L'epicentro del terremoto
EMILIA ROMAGNA

Terremoto 3.4 vicino Parma

E' la seconda scossa di oggi; la prima stamattina nel Tirreno meridionale
Il ministro del Lavoro Luigi di Maio
FALLIMENTO

Mercatone Uno: la reazione "calda" dei politici

Di Maio: "Lunedì tavolo al ministero", poi Salvini, Fratoianni, Zingaretti, Furlan e Mise
Papa Francesco con un bimbo
UDIENZA

Il Papa: "Vita umana inviolabile, l'aborto non è mai la risposta"

Il Santo Padre ai partecipanti di "Yest to Life": "E' un problema umano. No alla diagnosi prenatale per...