MARTEDÌ 14 LUGLIO 2015, 13:00, IN TERRIS

LA GRECIA SALTA UN ALTRO PAGAMENTO E IL DEBITO CON IL FMI SALE A 2 MILIARDI

Nonostante l'accordo con l'Eurogruppo, la Grecia non ha saldato la rata che era in scadenza a mezzanotte

MANUELA PETRINI
LA GRECIA SALTA UN ALTRO PAGAMENTO E IL DEBITO CON IL FMI SALE A 2 MILIARDI
LA GRECIA SALTA UN ALTRO PAGAMENTO E IL DEBITO CON IL FMI SALE A 2 MILIARDI
Nonostante la Grecia abbia raggiunto un accordo con l'Eurogruppo nella giornata di ieri, il Paese ellenico non ha onorato il saldo di un ulteriore debito di 456 milioni di euro con il Fondo monetario Internazionale - scaduto a mezzanotte - dopo che il 30 giugno non aveva rispettato l'impegno a pagare 1,55 miliardi di euro. Così crescono sempre di più gli arretrati della Grecia, che ora ammontano a circa 2 miliardi di euro. A renderlo noto è il portavoce del Fmi Gerry Rice, che ha comunicato anche che la richiesta di Atene di un prolungamento dei tempi di pagamento sarà esaminata nelle prossime settimane dal Consiglio del Fondo.

E sull'accordo che si è raggiunto ieri le parole pronunciate da Romano Prodi sono quelle che forse rispecchiano meglio la situazione: "Si è evitato il peggio, ma non il male". L'intesa infatti prevede sì un piano di aiuti di circa 80 miliardi di euro a favore della Grecia, ma Atene in cambio dovrà varare riforme immediate e durissime.

Infatti già entro la giornata di oggi, o comunque prima del prossimo Eurogruppo che si riunirà nella giornata di mercoledì, il Parlamento greco dovrà votare le prime misure su aumento dell'Iva e tagli alle pensioni, sull'indipendenza dell'ufficio di statistica e dovrà creare il Fiscal Council, cioè un organo di sorveglianza dei bilanci previsto dal Fiscal Compact. Inoltre entro il 22 luglio Atene dovrà adottare il nuovo codice di procedura civile per accelerare i processi e ridurne così i costi. Ma il colpo più duro per il governo greco è il ritorno alla Troika, con i tecnici di Ue, Fmi e Bce a controllare e a dare il loro assenso alle riforme decise dall'esecutivo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau