DOMENICA 05 LUGLIO 2015, 002:05, IN TERRIS

LA GRECIA E L'EURO: O DENTRO O FUORI

Oggi è il giorno del referendum sulle proposte di Bruxelles. Vigilia al veleno

EDITH DRISCOLL
LA GRECIA E L'EURO: O DENTRO O FUORI
LA GRECIA E L'EURO: O DENTRO O FUORI
"Quello che stanno facendo con la Grecia i creditori ha un solo nome: terrorismo". A poche ore dall'inizio del voto per il referendum sulle condizioni imposte al paese dall Bce, la tensione tra creditori e governo Tsipras continua a salire. L'Europa segue con il fiato sospeso la vigilia del referendum in Grecia, così importante per il destino del governo di Atene, ma anche per gli equilibri politici ed economici interni all'Unione. Non è un mistero che i vertici di Bruxelles sperino in una chiara affermazione del 'si'' che segnerebbe inevitabilmente una secca sconfitta del governo di Tsipras, accusato di essere ormai un interlocutore inaffidabile.

Lo stesso vale per tutte le cancellerie europee, preoccupate che un eventuale successo del radicalismo di Syriza, possa aggravare la crisi dell'Eurozona. Jean Claude Juncker, la settimana scorsa, a caldo dopo la rottura, ha apertamente chiesto un voto a favore dell'intesa. Una mossa inedita e molto sofferta da parte del presidente della Commissione Ue, che ha infranto la consuetudine della neutralita' dei vertici europei di fronte a una consultazione interna in uno Stato membro. E ieri ha ripetuto il punto: "Se i greci voteranno 'no' - ha detto l'ex premier lussemburghese - la posizione della Grecia sara' drammaticamente indebolita". Per poi aggiungere che "anche nel caso" in cui il risultato del referendum greco "sara' si', il negoziato sara' difficile".

Insomma, che vinca il si o il no, tutti a Bruxelles sono consapevoli che da lunedi' si ripartira' con un confronto che sara' comunque aspro e pieno di insidie. Tuttavia la parola d'ordine oggi sembra quella di gettare acqua sul fuoco, smussare le posizioni, mettere a riparo la tenuta dell'Euro e evitare la radicalizzazione dello scontro. Quindi, da Bruxelles, nessuna risposta alle bordate che vengono da Atene, dove il ministro delle Finanze Yanis Varoufakis ha definito con la parola "terrorismo" la condotta dei creditori. Oggi la propaganda lascerà il posto ai cittadini. Comunque vada, nulla sarà come prima.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Maria Elena Boschi

La solita storia

Gran rumore sulla vicenda di Maria Elena Boschi e del suo ‘interesse’ per la Banca Etruria di cui il suo...
Megan e Harry
REGNO UNITO

Il 19 maggio le nozze di Harry e Megan

Il matrimonio sarà celebrato nella cappella di San Giorgio del castello di Windsor