LUNEDÌ 06 LUGLIO 2015, 001:27, IN TERRIS

LA CLINTON STRIZZA L'OCCHIO AI GAY PER RISALIRE LA CHINA

ANGELO PERFETTI
LA CLINTON STRIZZA L'OCCHIO AI GAY PER RISALIRE LA CHINA
LA CLINTON STRIZZA L'OCCHIO AI GAY PER RISALIRE LA CHINA
Con il web ha dovuto incassare una battuta d'arresto, e tramite il web ha ritrovato consensi. La Clinton prosegue la sua marcia verso la Casa Bianca sull'onda di internet. Dopo essere stata costretta a pubblicare migliaia di mail mandate da un sito governativo invece che dal suo account politico, Hillary Clinton ha risposto alle ansie di un ragazzino di New York preoccupato per il suo futuro perché omosessuale. Irrompe cosi' sul seguitissimo blog fotografico Humans of New York la candidata per la nomination democratica nella corsa alla Casa Bianca. E naturalmente e' boom di "like", nel mezzo di una campagna in cui, in mancanza di sfidanti davvero insidiosi in vista delle primarie democratiche, Hillary gode al momento dello spazio e del tempo per limare il suo messaggio, tema per tema.

Cosi', secondo indiscrezioni, in questa estate che precede il via alla battaglia, Hillary intende presentare una proposta ogni settimana. Come a comporre un mosaico che sara' il programma con cui intende convincere gli americani di essere la scelta giusta nel 2016 per la guida del Paese. E che e' frutto di un lungo periodo di preparazione in cui l'ex first lady ha consultato esperti a tutto campo, da economisti a giuristi ad educatori. Sui matrimoni gay Hillary si era alla fine espressa chiaramente pochi giorni prima che arrivasse la decisione della Corte Suprema che li ha legalizzati in tutti gli Stati Uniti. Il commento di conforto al ragazzino preoccupato per il suo futuro e' pero' il sigillo che fuga tutti i dubbi: "Sono omosessuale e temo per quello che sara' il mio futuro", aveva scritto il ragazzo a corredo di un'immagine in cui appare preoccupato.

"Previsione di un adulto: il tuo futuro sara' straordinario. Ti sorprenderai di quel che sei capace di fare e delle cose incredibili che farai. Trova le persone che ami e che credono in te, ce ne saranno moltissime". E' il messaggio di Hillary, sapientemente rilanciato anche su Twitter dai collaboratori della candidata che lavorano a tutto campo, anche in questo weekend di festa in cui, come gli altri candidati, Hillary Clinton ha sfilato con la folla nelle parate per celebrare il giorno dell'Indipendenza. Salvo poi offrire il fianco a chi la critica, quando viene colta mentre tiene a distanza i giornalisti: collaboratori della ex first lady hanno di fatto "imbrigliato" con alcune corde i reporter al seguito, creando una sorta di cordone di sicurezza che li ha tenuti a qualche metro di distanza. Le foto del nuovo 'dispositivo di sicurezza' sono comparse ovunque, con i repubblicani che ci vanno a nozze, sottolineando tra l'altro il rapporto 'difficile' con la stampa.

Questo mentre sembra sempre piu' chiaro che, pur guidando indisturbata i sondaggi, Hillary in realta' uno sfidante ce l'ha. E' Bernie Sanders, il 73enne senatore liberal del Vermont che registra partecipazioni di pubblico da record nei suoi eventi: 2.500 persone in Iowa, fino a 10mila accorse ad ascoltarlo a Madison, nel Wisconsin. Se ce n'e' una, la "alternativa" a Hillary per la nomination democratica e' lui, tanto da oscurare il piu' giovane e all'inizio piu' quotato ex governatore del Maryland Marton O'Malley. Questi e' stato 'scaricato' anche da una nota finanziatrice per il partito democratico del New Hampshire, Dudley Dudley, che solo due mesi fa si spendeva per lui mentre oggi il suo endorsement è per Bernie Sanders. Si tratta di un tipo di popolarita' che potrebbe non essere confermata alle urne, ma il "fenomeno Sanders" pungola Hillary che, pur senza mai nominare il senatore del Vermont, in un intervento in New Hampshire ha sottolineato: "Non sono seconda a nessuno quando si tratta di lottare per valori progressisti".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"
Incendio alla Grenfell Tower di Londra
INCENDIO ALLA GRENFELL TOWER

Al via inchiesta a 6 mesi dalla strage

Il 14 giugno, 71 persone sono morte nel rogo divampato nell'edificio popolare di 24 piani
Uno scatto della mostra
FOTOGRAFIA

Il Salento di inizio '900 negli scatti di Palumbo

Al Museo delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Roma la mostra "Visioni del Sud"
Incendi in California
INCENDI IN CALIFORNIA

In fiamme un'area più grande di New York

L'incendio, ormai esteso per circa 700 chilometri quadrati, è divampato lo scorso 4 dicembre
L'intervento dei Vigili del Fuoco al Port Authority Bus Terminal di New York
VIDEO

Il momento dell'esplosione al Port Authority di New York

Le immagini della deflagrazione riprese dalle telecamere di sicurezza del tunnel